Inseguimento notturno tra i padiglioni dello ZEN 2. Carabinieri arrestano ladro d’auto

0
244
I ladri vengono intercettati
Michele Leone

 

Palermo – Un gruppo di malviventi avevano da poco rubato una Fiat 500 a San Lorenzo e si trovavano allo Zen 2, forse per consegnare l’auto al ricettatore, quando sono stati sorpresi dai Carabinieri che stavano pattugliando la zona.

E’ quanto successo tra i padiglioni del quartiere Z.E.N. 2, quando gli equipaggi delle gazzelle dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno tratto in arresto Leone Michele, 26enne, residente a Cinisi (PA), volto noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale.

Erano le 03.30 circa, quando durante un servizio di controllo del territorio teso al contrasto dei reati predatori nel quartiere Z.E.N. 2, i Carabinieri hanno notato una Fiat 500 con a bordo quattro persone, condotta dallo stesso Leone che, alla vista della gazzella dell’Arma, aumentava repentinamente la marcia imboccando via Primo Carnera ad alta velocità.

L’atteggiamento sospetto non è sfuggito ai militari che hanno avvisato l’operatore del 112 richiedendo l’invio di altre pattuglie in ausilio, ponendosi all’inseguimento del mezzo che, dopo una breve fuga, andava prima a sbattere contro il muro di un edificio per poi terminare la corsa contro una Ford Fiesta parcheggiata.

I Carabinieri nonostante il tentativo del Leone Michele, di sottrarsi al controllo dimenandosi e spintonando sono riusciti ad immobilizzarlo, mentre gli occupanti dell’autovettura si sono dati alla fuga, a piedi, lanciandosi dal mezzo ancora in corsa e facendo perdere le proprie tracce tra i padiglioni circostanti.

I successivi accertamenti hanno permesso di accertare che la Fiat 500 era stata poco prima rubata in via Ingegneros (quartiere San Lorenzo) ad un pensionato.

A seguito della perquisizione personale, i Carabinieri hanno rinvenuto indosso al Leone un cacciavite, verosimilmente utilizzato per l’apertura e l’avviamento del mezzo rubato, posto sotto sequestro. La denuncia di furto dell’autovettura è stata formalizzata dal proprietario in Caserma ed il mezzo restituitogli.

L’arrestato giudicato con rito direttissimo, a seguito di convalida è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione in caserma e rimesso in libertà.

Sono in corso indagini dei Carabinieri del nucleo Radiomobile, volte ad accertare l’identità dei complici, che approfittando del buio sono riusciti a dileguarsi tra i padiglioni del quartiere Z.E.N. 2.