Fermati ad un posto di blocco:avevano droga per lo spaccio e contanti. La Polizia di Stato arresta quattro giovani tra cui un minore

0
387
Antonino Calì
Davide Pantò
Salvatore Piccione

 

Leonforte (Enna) – Fermati ad un normale controllo di Polizia e trovati in possesso di un quantitativo di hashish e di denaro in contanti. I giovani, tra cui un minore, sono stati arrestati dalla Polizia di Stato per trasporto e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente”.

Si tratta di quattro giovani leonfortesi Calì Antonino, classe 1995, Piccione Salvatore, classe 1997, Pantò Davide, classe 1990 ed il minorenne D. R., tutti con precedenti di polizia e penali per reati inerenti gli stupefacenti, in quanto colti nella flagranza del reato per trasporto e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo hashish.

Gli agenti della Squadra Mobile di Enna – diretta dal Vice Questore Aggiunto Gabriele Presti e coordinata dal Commissario Capo Emanuele Vaccaro – e del Commissariato di P.S. di Leonforte – diretto dal Commissario Capo Alessio Puglisi – procedevano ad un controllo, lungo la Statale 121, all’altezza della rotonda di contrada S. Giovanni. L’auto era condotta da Calì con a bordo Piccione, Panto’ ed il minore, tutti già conosciuti come gravitanti nel mondo del traffico di droga.

Quindi gli agenti, visti i precedenti dei fermati, hanno perquisito l’auto, i giovani e poi le loro abitazioni.

Al Calì è stato sequestrato un pezzo di sostanza stupefacente del tipo “hashish” del peso di un grammo circa, corrispondente ad una dose. Successivamente, la perquisizione eseguita sulla autovettura permetteva di rinvenire altra sostanza stupefacente del tipo “hashish”, nascosta sotto il posacenere dei sedili posteriori, e precisamente due pezzi rispettivamente di grammi 20,2 circa e grammi 1,5 circa, pronti per lo smercio. Infine, nella parte anteriore della vettura, all’interno del vano del cambio, si rinveniva altra sostanza stupefacente del medesimo tipo del peso netto di grammi 44,5 circa, anch’esso pronto per essere tagliato e immesso nel mercato. Sono state rinvenute diverse banconote per la maggior parte di piccolo taglio, non giustificabili legalmente, in considerazione del fatto che nessuno dei quattro lavora e, pertanto, qualificabili come provento dell’attività di spaccio.

Lo stupefacente, nella diponibilità di tutti gli occupanti la vettura e successivamente stimato in complessivi grammi 67,2 circa, veniva sottoposto a sequestro insieme alle somme di denaro e, sulla base di quanto accertato, i giovani leonfortesi venivano tratti in arresto per i reati di trasporto e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

I tre maggiorenni venivano posti agli arresti domiciliari presso le loro abitazioni, mentre il minore veniva condotto presso il C.P.A. di Caltanissetta.

Continua senza sosta la preziosa attività della Polizia di Stato nel contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, nella circostanza la brillante attività svolta dagli investigatori ennesi e leonfortesi ha permesso non solo di assicurare alla giustizia i quattro ma di evitare anche che un cospicuo quantitativo di droga finisse sul mercato, con tutte le conseguenti ricadute sul piano della sicurezza pubblica.