Da Verona a Taormina, da Palermo a Cefalù’, da Bagheria a Modica per abbracciare il Parlamento della Legalità Internazionale

0
817
Nicolò Mannino
Sardisco e Papa Francesco
da sx:Sardisco,Guardì e Mannino

 

Monreale (PA) – Da Verona a Taormina, da Palermo a Cefalù’, da Bagheria a Modica per abbracciare il Parlamento della Legalità Internazionale. «Non è un ciclone che danneggia, bensì un’ebbrezza che accarezza quella certezza urlata, proclamata, dopo le stragi del ‘92 “Nessuna notte sarà così lunga da impedire al giorno di ritornare”. E’ l’ora del giorno, dell’agire, del non stare a guardare e convinti che “le parole affascinano ma i fatti convincono”, ecco un serrato programma di incontri culturali che vedrà Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco (rispettivamente presidente e vice presidente del Parlamento della Legalità Internazionale) essere presenti in diverse città d’Italia per incontrare tanti giovani, studenti, semplici cittadini che credono nel progetto formativo culturale di questo meraviglioso movimento culturale che – a costo zero- riesce a raggiungere chi attende nozioni forti e concrete a favore di una singolare cultura della Vita e della Legalità che è “Amore alla Vita”. Gli incontri culturali, organizzati dai coordinatori delle varie regioni del nostro Paese, sono tutte tappe di dialogo e di confronto che prenderanno voce nei fine settimana. E cosi dal Veneto alla Sicilia si snodano tante tappe che vedranno Nicolò Mannino e in alcune anche Salvatore Sardisco proporre ad ampio respiro il progetto culturale (già consegnato a Papa Francesco lo scorso 24 ottobre sul sagrato di San Pietro) “Ricercatori dell’Alba”. Si inizia l’otto novembre, l’incontro con i detenuti del carcere di Verona per la presentazione del libro “Peccatori sì, Corrotti mai”, dove anche i detenuti di questa casa circondariale hanno contribuito con i loro messaggi. Il pomeriggio l’appuntamento è presso il Comune di Castel d’Azzano (VR) con la partecipazione dell’Associazione d’Arma, un programma curato nei dettagli dal collaboratore di presidenza del movimento Adelino Fasoli dal Sindaco Antonello Panuccio e dall’Assessore Massimiliano Liuzzi. Venerdì nove novembre un bagno di folla con gli studenti di tre Istituti: Ist. Salgari, Ist. Collodi e quello “Dante Alighieri”, un appuntamento inserito nel progetto culturale “Un pieno di Legalità”. Dal Veronese si passa al Comune di Cento (FE) per un incontro culturale organizzato dal dott. Filippo Ruffa e Luisa Ferioli due grandi pilastri in casa Parlamento della Legalità Internazionale e proprio a Cento si insedierà l’Ambasciata della Persona e della Legalità alla presenza del Sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia, Vittorio Ferraresi. Dall’Emilia Romagna alla Sala consiliare del Comune di Taormina il passo è breve e così Sindaco e Associazioni Culturali (grazie all’amico Giuseppe Sparta) hanno organizzato la presentazione del libro “Peccatori sì, Corrotti mai”, per Sabato 17 Novembre. Da Taormina al Convitto Nazionale di Palermo (scuola dove ha studiato Giovanni Falcone) il 23 novembre, tappa singolare dove la coordinatrice Sally Rampulla per la presentazione del libro “Peccatori sì, Corrotti mai” ha incassato il “SI” della presenza del Questore di Palermo Renato Cortese (che ha curato la conclusione al testo) e del Generale di Brigata dell’Arma dei Carabinieri Regione Sicilia Giovanni Cataldo e l’assessore alle Politiche Giovanili, Scuola, Lavoro, Salute del Comune di Palermo la dott.ssa Giovanna Marano. Il due dicembre, domenica, nella Parrocchia “Madonna delle Grazie”, quartiere Roccella a due passi da Brancaccio, con don Ugo Di Marzo si insedia l’Ambasciata della Tenerezza a firma Parlamento della Legalità Internazionale, mentre il sette dicembre l’Ambasciata della Vita troverà dimora nella Cappella dell’Ospedale dei Bambini sempre a Palermo. A seguire la presentazione del Libro toccherà Bagheria, grazie alla preziosa collaborazione della Prof.ssa Clementina Castrone, e poi Cefalù tra i giovani dell’Istituto Alberghiero coordinati dalla prof.ssa Loredana Olla. Sabato quindici dicembre grande evento culturale nella città di Modica, evento coordinato dall’amico Vincenzo Minardo, e a seguire a Maletto (ai piedi dell’Etna) dove prenderà corpo il “Gran Galà della cultura e della solidarietà”, curato dalla maestra Nerina Caruso e il coinvolgimento del sindaco Giuseppe De Luca. Momento di festa, di auguri e di gioia è fissato anche a Monreale con il “Gran Galà della Cultura e della Solidarietà” presso il ristorante “Il Giardino degli Aranci”, dove diverse saranno le personalità invitate e tra questi il Questore di Novara Rosanna Lavezzaro, il Questore di Palermo Renato Cortese, il dott. Antonio Sabbatella Dirigente Generale e Capo dell’Ufficio Legislativo del Ministero  del Lavoro e delle Politiche Sociali che in casa Parlamento della Legalità Internazionale riveste il ruolo di collaboratore di Presidenza per i rapporti parlamentari e istituzionali. Un “SI” alla presenza e alla partecipazione arriva da Paolo Picchi, il papà di Carolina, la giovane novarese vittima di bullismo che si è tolta la vita a causa delle troppe ingiurie sul web che l’ha portata al suicidio dopo aver lasciato una lettera “le parole fanno più male delle botte”. “Vivremo questi appuntamenti con gioia e con tanta voglia di dare ciò che portiamo nel cuore – affermano Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco – tutto a costo zero ma con la convinzione che ogni uomo raccoglie ciò che semina”. Intanto l’occhio vola alla data della tre giorni – dall’otto al dieci maggio per una mega festa ricca di entusiasmo e di gioia da vivere a Monreale dove ha dimora la sede di presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale. A sorpresa arriverà la data dell’incontro giovanile con Raoul Bova che ha accettato la nomina di presidente Onorario del Parlamento della Legalità Internazionale “con molto onore – scrive Raoul Bova a Nicolò Mannino – e orgoglio”. E che la festa prenda il via». 

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo