Lo fermano per un controllo ma il nervosismo lo porta all’arresto. 500 grammi di hashish nascosti nel faro dell’auto

0
287

Leonforte (Enna) – Pensava ad un trasporto facile, il panetto con la droga era ben nascosto alla vista, dentro il vano del faro posteriore dell’auto ma lo spacciatore-corriere ha tralasciato un particolate determinate per lui:l’esperienza degli agenti della Polizia di Stato.

Alfio Nicolosi

 

I fatti

E’ un normale posto di blocco della Polizia di Stato, ma l’atteggiamento di nervosismo manifestato dal conducente dell’auto insospettisce gli agenti che con la maturata esperienza vanno a colpo sicuro. E’ successo nei pressi dello svincolo della autostrada A19; un uomo manifestava un certo nervosismo nel corso dell’ispezione del cofano. Infatti, nonostante il vano si presentasse vuoto agli agenti, nascondeva mezzo chilo di hashish, suddiviso in panetti, all’interno del faro posteriore della vettura, rinvenuto dai poliziotti che lo hanno arrestato”.

Le azioni di prevenzione

I controlli, messi in atto per contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, sono stati disposti dal Questore della provincia di Enna Antonino Pietro Romeo, la Squadra Mobile di Enna – diretta dal Vice Questore Aggiunto Gabriele Presti e coordinata dal Commissario Capo Emanuele Vaccaro – unitamente ai colleghi del Commissariato di P.S. di Leonforte – diretti dal Commissario Capo Alessio Puglisi.

I fatti si riferiscono allo scorso mercoledì, mentre gli agenti effettuavano un posto di controllo nei pressi dello svincolo autostradale dell’arteria A19 Palermo-Catania, che conduce, al centro abitato di Leonforte, controllavano una macchina con un uomo a bordo.

I poliziotti identificano il conducente per Nicolosi Alfio, classe 1976, con risalenti pregiudizi di polizia per spaccio di sostanze stupefacenti. Durante il controllo del cofano, che si presentava vuoto, gli agenti percepivano una particolare e insolita agitazione della persona che li induceva ad effettuare una più accurata perquisizione del veicolo, nel cui faro posteriore, veniva individuato e ben celato, un voluminoso involucro, avvolto da numerosi strati di nastro per imballaggi.

Al suo interno, gli agenti della Polizia di Stato verificavano che vi erano stipate cinque barrette marroni, corrispondenti a circa mezzo chilo di sostanza stupefacente del tipo hashish.

Nel corso della successiva perquisizione domiciliare, gli agenti rinvenivano anche un’ulteriore modesta quantità di marijuana, celata dentro un cappotto in un armadio.

Pertanto, Nicolosi veniva posto in stato di arresto ai sensi e, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna – nella persona del P.M. Sostituto Procuratore Giovanni Romano che coordina le indagini – Nicolosi veniva portato in carcere.

Ora l’arrestato ha tutto il tempo per decidere quali scelte fare nel suo prossimo futuro, se continuare per questa strada oppure cambiare strada ma naturalmente anche adottare un migliore…stile di vita.

Luca La Scala