Catania allarme freddo: appello alla Croce Rossa

0
60

Non smonti il tendone termico da piazza della Repubblica, alla metropolitana affinche’ lasci aperte le fermate del centro e alle sorde istituzioni pubbliche!

Catania – Free Green Sicilia nel l’esprimere ancora un volta un accorato plauso a tutti i volontari di tutte le associazioni che si stanno prodigando in questi giorni di gelo a favore dei senza tetto ( freddo che ovviamente continuerà per tutto l’inverno con temperature vicino allo zero) chiede un ulteriore sforzo umanitario alla meritevole Croce Rossa affinchè non disinstalli il tendone termico da piazza della Repubblica viste le basse temperature che durante la notte arrivano anche sotto lo zero ed in quanto di fatto esso resta l’unico rifugio al freddo per chi dorme per strada nel perimetro del centro storico non avendo un posto letto nelle poche strutture esistenti in città.

Un altro appello lo rivolgiamo all’’Azienda che gestisce la Metropolitana affinchè di notte lasci aperte le fermate di piazza Stesicoro e piazza Giovanni XXIII.

Per tali disumani aspetti – afferma Alfio Lisi portavoce di Free Green Sicilia – , non degni di una città civile e che si ripetono annualmente senza che si faccia nulla per dare un tetto a chi non si può permettere di averlo, rinnova anche l’appello alle sorde Istituzioni pubbliche affinché per tutto il periodo invernale recuperino quanti più alloggi, anche a tempo indeterminato, per coloro che non hanno più una casa dove abitare, né tanto meno si possono permettere di affittarne una visto che si tratta di persone e famiglie disagiate costrette a dormire all’addiaccio e a fare la fila nelle poche mense sociali della città, anche queste gestite da associazioni ed enti cattolici e non a cui rinnoviamo il nostro plauso.

Parte dei fondi per tali interventi a favore di cittadini non ambienti in parte possono, come diciamo da tempo, essere prelevati dalle somme previste per i superflui fuochi d’artificio in occasione della ricorrenza religiosa in onore della Patrona cristiana della città, S. Agata!