Un fiume di studenti a Montecitorio, un proporre quel fresco profumo di libertà

0
806

 

Roma – Un fiume di studenti a Montecitorio un proporre quel fresco profumo di libertà. «Un 25 gennaio che rimarrà inciso nel cuore e nella cassaforte dei ricordi più belli. Tutti a Roma, per molti studenti, la prima volta nella Capitale. Tutti in fila per accedere nella splendida Sala dei Gruppi Parlamentari a Montecitorio. Arrivano dalla Lombardia, dal Veneto, dal Lazio, dalla Campania, dalla Sicilia, tanti e tutti per riflettere sul tema della “Legalità e Costituzione nel tessuto giovanile”. A dare il benvenuto Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco, rispettivamente presidente e vice presidente del Parlamento della Legalità Internazionale che in pochi mesi ha portato a Montecitorio centinaia di studenti e studentesse da diverse città d’Italia (la prima convocazione lo scorso 24 ottobre 2018). Il primo grazie è andato all’On. Renata Polverini che ha prenotato la sala per questo appuntamento culturale, grande amica e sostenitrice del Parlamento della Legalità

Nicolò Mannino
Polverini e Mannino
Salvatore Sardisco

Internazionale, è lei che ha dato il benvenuto ai tanti alunni e alunne, docenti, dirigenti scolastici e personalità che hanno preso parte a un pomeriggio ricco di gioia nel far odorare a tutti il “fresco profumo di libertà” che si oppone al puzzo del compromesso e dell’indifferenza. Al tavolo della presidenza con Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco il maestro Nicola Guerini, Don Sergio  Mercanzin, Michele Albanese e il dirigente Scolastico Guido Garlati, il quale con molta professionalità ha presentato le ben dodici scuole di ogni ordine e grado di Monza/Brianza che hanno relazionato sul tema della “Legalità e Costituzione”.   Una festa, un inno alla bellezza, un impegno a favore di una cultura di giustizia e di pace lontano dalla teatralità ma mirante all’incisività nel cuore. In prima fila il grande artista e docente Antonio Caputo che ha omaggiato alle personalità la sua splendida litografia “Ricercatori dell’Alba” al quale è andata una singolare targa conferitagli dall’Istituto Comprensivo “Luigi Pirandello” di Cerda, dalla professoressa e amica del Parlamento della Legalità Internazionale, Maria Matassa.  Numerosa la delegazione di Verona guidata dal coordinatore culturale Adelino Fasoli e lo stesso dalla Campania con la professoressa Floriana Nappi, coordinatrice culturale del movimento in questa regione che vede al suo fianco il Sostituto Procuratore della Repubblica Anna Ida Capone che svolge il suo ruolo di magistrato nella Procura di Santa Maria Capua Vetere, dove presto si insedierà l’Ambasciata dell’Ambiente proprio nella “terra dei fuochi”. A tutti i partecipanti un attestato di riconoscimento, mentre un messaggio aleggiava nella Sala dei Gruppi Parlamentari strapiena di studenti e non solo. “La vita ha bisogno di un fresco profumo di libertà. Per questo profumo molti hanno pagato con la vita, proprio per indicare un futuro a colori dove l’alba della bellezza si fa inno di speranza. Non molliamo. Crediamoci e diamo il meglio e il massimo di noi per essere sentinelle di un’alba nuova, firmato “Parlamento della legalità internazionale… e non solo”». 

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo