Un giorno di festa per i gatti italiani

0
99
Scottishcat

Anche se nel 2002 è stata scelta la data dell’8 agosto per celebrare la Giornata Internazionale del Gatto, in Italia, fin dal 1990, si continua a festeggiare il comune micio domestico il 17 febbraio

Palermo – Il piacere di adottare un animale domestico viene naturalmente associato al desiderio di condividere la propria esistenza con un affettuoso amico dotato di quattro zampe, una coda ed un paio di lunghi baffi. Fino a non molti anni addietro, i residenti negli appartamenti di antichi palazzi, ospitavano regolarmente uno o più gatti per combattere la presenza dei sorci che si insinuavano all’interno delle abitazioni. I felini domestici non si sono mai limitati a svolgere il loro dovere, ma sono diventati sistematicamente i veri padroni della casa.

Durante gli anni bui del Medio Evo gli innocui micetti subirono la medesima “caccia alle streghe” di innocenti signore con le quali avevano in comune la predilezione per il letto e la cucina e tanto era ritenuto sufficiente per sopprimere sia gli esseri umani che le bestiole. Qualche secolo più tardi, invece, si diffuse l’opinione opposta, espressa nel modo di dire “Dio creò il gatto per concedere all’uomo il piacere di accarezzare la tigre.”

Dalla proverbiale eleganza dei felini restiamo tutti affascinati. Bisogna riconoscere che gli esemplari appartenenti alle razze più pregiate, presenti a tutte le mostre, possiedono certe caratteristiche che rendono ogni micio particolarmente attraente, tuttavia, saranno, comunque, i gatti comuni a conquistarsi sempre le carezze e la simpatie dei “gattofili” più ostinati.

Ogni gatto sviluppa un carattere e manifesta un modo del tutto personale di partecipare agli eventi domestici della famiglia che lo accoglie e della quale diventa un effettivo componente. Come tutte le convivenze, anche quella con il micio di casa si basa su un rapporto assolutamente “paritario”, in tal modo, tra gli esseri umani ed il gatto si instaura una speciale intesa fondata sul rispetto reciproco.

Inoltre, ricorrere alla cosiddetta pet-therapy favorisce il trattamento clinico di molte patologie. Sono stati, infatti, dimostrati diversi benefici derivati dal rapporto con un docile animale da affezione.

Andrea di Napoli

Le fotografie sono di proprietà dell’autore.