Detenuto ingoia 4 telefonini per introdurli. Scoperto dalla polizia penitenziaria

0
443

La Uilpa Polizia Penitenziaria Sicilia: :”Bonafede e Basentini basta proclami ora servono i fatti”

Trapani – “…Mentre il Governo riempie di proclami e di slogan verso le Forze di Polizia saturando le menti dei cittadini, la Polizia Penitenziaria di Trapani con quasi 100 unità di Polizia in meno sventa un clamoroso tentativo di intrusione di quattro telefonini tramite ingerimento orale…quindi gradiremmo una vero impegno verso questo apparato dello Stato invece di registrare ad oggi solo parole…

Questa e la dichiarazione del Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria della Sicilia Gioacchino Veneziano dopo il ritrovamento di ben 4 minitelefonini grazie ad una brillante operazione condotta dagli uomini della Polizia Penitenziaria di Trapani…

“…A Trapani sono richiusi quasi 600 detenuti, e la carenza di oltre 80 unità rende tutto più difficile, ma non per questo il personale di polizia ha mai abdicato a garantire ordine sicurezza e trattamento all’interno e all’esterno del carcere Pietro Cerulli di Trapani, per questo non riusciamo a capire… continua Veneziano…”che cosa aspetta Alfonso Bonafede e Francesco Basentini a dare dopo le parole le risposte che si aspettano i sindacati che rappresentano i poliziotti penitenziari…”

Nel contratto di Governo tuona il leader della UILPA Polizia Penitenziaria c’era il superamento della “legge Madia” che ha scippato ben 5000 unità di Polizia Penitenziaria di cui oltre 50 a Trapani, che a fronte di una capienza detentiva di 320 detenuti si è passati ad oltre 560, ma di contro il personale di Polizia Penitenziaria è passato da 380 unità ad appena 200, ma ad oggi abbiamo visto solo il normale turn over già previsto dai vecchi governi!

Non possiamo, – insiste il rappresentante della UILPA Polizia Penitenziaria della Sicilia – , agire nell’ordinarietà, perché la tecnologia messa in campo dai detenuti in tema di occultamento di oggetti non consentiti ha superato da un bel pezzo i mezzi e le norme obsolete che l’Amministrazione Penitenziaria mette a disposizione al personale di Polizia Penitenziaria per contrastarne l’introduzione…

Un plauso al personale del reparto di Polizia Penitenziaria di Trapani, per la il lavoro svolto, ma nel contempo gradiremmo, conclude Gioacchino Veneziano – che il nostro conterraneo Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede smettesse di indossare solo la giubba della Polizia Penitenziaria, e ringraziasse i “suoi” Poliziotti mettendo in campo dopo le parole i fatti per consentire ai “suoi” uomi e donne di operare in sicurezza con la garanzia della fruizione dei diritti…

Ph:Gioacchinio Veneziano, Segretario Uilpa Sicilia