Bunker di Sicilia..grazie ai gruppi di ricerca e salvaguardia

0
252

 

Catania – Andavo per bunker, fin da bambino (anni ‘1955-’60) tra Messina e Catania..poi nel siracusano ed altrove. Ma.. senza documentare,se non mnemonicamente.
Oggi, grazie ai gruppi di nuovi (e meno nuovi) appassionati, pure estremamente competenti, ritrovo postazioni “perdute nella memoria” e “spiegazioni tecniche e costruttive” delle casematte e delle fortificazioni antisbarco presenti in Sicilia nel 1943..con tantissime di queste del tutto sconosciute ma, oggi, pure “salvaguardate” storicamente dall’operato dei numerosi volontari.
Io mi sono ritrovato ad aver potuto utilizzare le mie visioni e testimonianze “sul campo” per la “rivalutazione” del “soldato italiano” (quello tedesco godeva da sempre della stima per lo “spirito guerresco”) nella Difesa della Sicilia nel 1943. Gli amici delle “pagine” che trattano questa tematica fanno pure di più..spiegano e documentano, oggi per domani, la “memoria storica” pietra per pietra (con annesse coordinate), offrendo il tutto non solo agli appassionati ma pure a quelle istituzioni che, nel passato, se ne fregavano altamente di quanto io o (pochi) altri potessimo loro chiedere per la salvaguardia del patrimonio storico della II Guerra Mondiale.

Vincenzo Mannello