Non rompete i #cabbasisi con il Tav

0
317
Matteo Salvini

 

Catania – Prosegue oggi il duello rusticano sul Tav tra i soci di maggioranza del governo Conte, con annessa canea di ueisti di Bruxelles e di casa nostra.. sembra quasi che i destini del mondo dipendano dalla scelta che verrà fatta sul “buco” del traforo, se verrà “riempito” o completato mettendoci i binari.. scenari apocalittici vengono indicati per l’Italia con crisi di governo in vista, penali miliardarie da pagare (non si capisce bene “quanto ed a chi”), “perdita d’immagine” (ne abbiamo una?) della nazione e “retrocessioni del rating” (che non guastano mai)!

Io, ultima ruota del carro mediatico e semplice osservatore (fai da te) dalla memoria (sempre meno) “lunga”..

assicuro tutti (Salvini e Di Maio, maggioranza ed opposizione, stampa ed industriali, sindacati ed imprenditori) che siamo in tanti, in Sicilia e nel Sud, ad avere i #cabbasisi rotti con questa storia del Tav !! 

Mai si parla di grandi opere nelle colonie meridionali, anzi.. se ne parla anche troppo, fin dai tempi della annessione al Piemonte, passando per il Fascismo (che pur un minimo fece, in soli 20 anni)  e finendo nella Repubblica resistenziale e partitocratica che ci allieta fino a questo momento !

Valga per tutti il Ponte sullo Stretto che, pur previsto (mi rivolgo agli ueisti) dallo immancabile “corridoio” nord-sud, ha visto esclusivamente la realizzazione di uno splendido plastico, costato (tra appositi enti e studi di fattibilità) solo qualche miliardo di euro..

Nord, solo ed esclusivamente Nord..

aggiungete al Tav, tanto per non dimenticare, almeno altre due “perle” da completare: il Mose e la Pedemontana..al netto (omaggio) del nuovo Ponte di Genova !

Non aggiungo altro..mi rifiuto di essere preso in giro da chi provoca ed alimenta tutto questo can-can e, mi auguro, che pure i tantissimi che concordano si facciano sentire in qualche modo..magari non andando a votare !

Vincenzo Mannello