Lavoro e Diritti

0
245

 

Rivista sindacale e dei diritti dei cittadini a cura dell’avvocato Aurelio D’Amico

Piu’ circolano le idee e piu’ siamo liberi e forti

Villarosa : Amministratori a confronto su Condominio e Professionalità degli Amministratori Condominiali.

Lo scorso venerdì 29 marzo 2019, a Palazzo Vilalrosa di Bagheria, si è svolto un convegno formativo su Condominio e Professionalità degli amministratori.

L’evento, valevole per la formazione continua obbligatoria, ha riunito amministratori di condominio e avvocati.

Tra i relatori il Dott. Comm. Michele Abbate, l’Avv. Patrizia Lanza e l’Arch Manuel Carapezza

Sono intervenuti il Geom. Antonello Pellitteri Presidente Regionale UNAI, l’Avv. Aurelio D’Amico Vicepresidente nazionale Confai, l’Avv. Giancarlo Sciortino Presidente Nazionale Centro Studi Ass.I.A.C, il Dott Casimiro Barbera Direttore vendite e+e spa e del Dott. Andrea Sprio Pres, Prov. Ass. I.A.C.. A coordinare gli interventi l’Avv. Gabriella Parrino respondabile Presidio ASS.I.A.C. di Bagheria.

Questo convegno è stato importantissimo per la Città di Bagheria, perché per la prima volta ha visto assieme alcune delle associazioni nazionali degli amministratori condominiali, riconosciute dal M.I.S.E. precisamente : U.N.A.I ., CONF.A.I., ASS.I.A.C.

Il convegno ha prospettato migliori orizzonti per una maggiore professionalità, collaborata in città da tutte le associazioni di categoria per migliorare la professionalità degli Amministratori Condominiali , chiamati sempre di piu’ a dare risposte concrete ai propri clienti e preparate su tutti gli argomenti, che riguardano il Condominio.

Infatti, è stato rilevato un grave defezione della legge n.220/2012, che permette ad un singolo condomino proprietario di amministrare il proprio condominio, senza alcun obbligo formativo, questo mette in grave discussione la predetta legge che, se da un punto di vista programma una maggiore professionalità degli Amministratori Condominiali, con la obbligatorietà di seguire formazione permanente annuale per 15 ore, dall’altro, lascia senza alcuna formazione e senza alcun obbligo i proprietari condominiali, che amministrano il loro condominio, senza avere una professionalità adeguato e con il rischio di causare danni economici al condominio amministrato.

Truffa olio: Confconsumatori in campoVendevano olio comunitario, perlopiù greco, come IGP Toscano: Confconsumatori ha annunciato che si costituirà parte civile nel caso si giunga al processo

Grosseto, 20 marzo 2019 – La frode portata alla luce dalla Procura di Grosseto indigna Confconsumatori: negli anni 2014-2015 e 2015-2016 è stato messo in vendita olio extravergine di oliva di origine comunitaria, in prevalenza olio greco, contrabbandato per olio extravergine Toscano Igp e per extravergine italiano. “Appreso dalla stampa dell’utilizzo di olio greco in luogo del pregiato IGP toscano, – ha dichiarato Confconsumatori Toscana – la Confconsumatori si costituirà parte civile nel caso in cui si giunga al processo“.

Confconsumatori, associazione riconosciuta come maggiormente rappresentativa sia dallo Stato che dalla Regione Toscana, si è già costituita in passato a Grosseto (ottenendo anche simbolici risarcimenti del danno) in processi per frodi in commercio dinanzi al Tribunale di Grosseto, nonché è stata ammessa come parte civile al processo pendente dinanzi al Tribunale di Siena per la vicenda “brunello”.

L’associazione interverrà, quindi, nell’interesse e nella tutela di tutti quei consumatori che hanno fatto il successo dell’olio toscano e che non possono essere ingannati su provenienza, qualità, gusto, sicurezza e prezzo dell’olio immesso in vendita con marchi di elevata qualità.

Simili frodi, se accertate, minano le fondamenta dell’andamento di un regolare del mercato della vendita dei prodotti alimentari, la cui manipolazione desta e può destare serissime preoccupazioni per i consumatori.

L’associazione Il Nuovo Millennio propone a tutti voi lo spettacolo teatrale “Sogno di una notte di mezza estate”