Il progetto culturale dato al Papa diventa “inno di gioia” Salvatore Sardisco anticipa

0
755

 

Monreale (PA) – Monreale: il progetto culturale dato al Papa diventa “inno di gioia” Salvatore Sardisco anticipa. «Ha consegnato il libroPeccatori sì, Corrotti mai” a Papa Francesco e alla luce di quella gioiosa emozione adesso è immerso nell’organizzare la due giorni del “Festival della Legalità” in dialogo con tante scuole della Lombardia, Toscana, Veneto, Campania, Puglia, Sicilia. Stiamo parlando di Salvatore Sardisco, vice presidente del Parlamento della Legalità Internazionale che dalla sede di presidenza di Monreale (via Venero n. 30) sta pianificando una due giorni (8 e 9 maggio) che inizierà al “Giardino della Memoria”, dove ha trovato la morte il piccolo Giuseppe Di Matteo, per poi dar vita alla grande Marcia della Gioia prevista per il 9 maggio da Piazza Duomo davanti alla Cattedrale di Monreale. Tante le adesioni, da Monza a Napoli, da Orta Nova (FG) ai Baby sindaci di Catania e dal coro voci bianche guidate dal dirigente scolastico Adernò. Tante le adesioni, molte le scuole che hanno comunicato la loro partecipazione mentre arrivano conferme e messaggi di apprezzamento e di incoraggiamento. E tutto a costo zero. “Sono felice della felicità che si registra negli ambienti scolastici – dice Salvatore Sardisco – mentre risponde al telefono ai diversi dirigenti scolastici che confermano e attestano la validità dell’iniziativa. E mentre Salvatore Sardisco pianifica tutto, Nicolò Mannino (il Presidente) ogni sabato raggiunge una città d’Italia per sensibilizzare i giovani a divenire “Ambasciatori di Giustizia” sul sentiero della Cultura. “Il grazie di cuore – dicono Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco – lo indirizziamo a tutti i coordinatori culturali delle diverse regioni che hanno dato vita alle Ambasciate del nostro movimento, a quanti credono in una vera cultura di riscatto e mettono cuore, faccia e amore in tutto ciò che si professa guardando con i piccoli un futuro più solare del presente”». 

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo

Sardisco e Papa Francesco