Plastica free:cartelli del WWF Sicilia nord ad Aspra

0
290
Aspra – Scarti cassette del pesce impreziosiscono il paesaggio

Bagheria (Pa) – E’ paradossale, ma utile, che ci vogliano dei cartelli, per ricordarci che non dobbiamo inquinare. La plastica, creazione umana, sta distruggendo il pianeta perchè entrra nel ciclo alimentare degli umani oltre che dei pesci. Non ce ne accorgiamo perchè essa si disgrega in particelle finissime quasi impercettibili che già si trova nei pesci che noi mangiamo. Serve un cartello per ricordarci del nostro senso civico, serve un cartello per ricordarci quello che possiamo e quello che non possiamo, serve un cartello per tutto, per non sbilanciare l’armonia ambientale verso percorsi di non ritorno. Di educazione ambientale se ne è sempre parlato, da decenni, ma prima sembrava un argomento di scarsa rilevanza per il genere umano, oggi è divenuto di vitale importanza. Meno male che c’è il WWF a cui dobbiamo rivolgere il nostro ringraziamento per l’attività costante che i volontari portano avanti ed in condizioni non facili. Prima tra tutte la diffidenza e l’indifferenza della gente verso i temi ambientali come se non riguardasse anche loro. Ecco perchè è incessante l’azione di educazione ambientale sulle coste del palermitano per #GenerAzioneMare #PlasticFree #ClimateChange, i progetti per la salvaguardia dell’ambiente marino e costiero del WWF Sicilia Nord Occidentale.

A seguito di numerose campagne di pulizia delle spiagge sul litorale di Aspra, sono stati posti 2 di 12 cartelli realizzati dal Wwf Sicilia Nord Occidentale disegnati dalla designer e socia Clelia De Simone, con il patrocinio gratuito del Ministero dell’Ambiente.

Oltre al coordinatore del progetto Lino Campanella erano presenti il presidente Pietro Ciulla il consigliere Giorgio De Simone e i soci Marianna Vitale e Pietro Caramia. Per il Comune di Bagheria l’assessore Romina Aiello, per la commissione ambiente della Camera dei Deputati Caterina Licatini e per il Corpo delle capitanerie di porto – Guardia costiera il comandante dell’ufficio circondariale marittimo di Porticello, il Tenente di Vascello Giuseppe Morra.

Il Presidente Ciulla avverte: “Ancora c’e’ molto da fare, infatti anche al porticciolo di Aspra si sono visti cumuli di plastica, accantonati probabilmente dai pescatori che invitiamo al rispetto del loro mare. Se non solo loro a tutelarlo chi può aspettarsi che altri lo facciano? A tal proposito grande plauso va al lavoro svolto dai nostri volontari e attivisti della zona di Bagheria che stanno ottenendo sempre più attenzione, partecipazione attiva e interesse dei cittadini e delle altre associazioni sui temi ambientali. Un sentito ringraziamento va alle Capitanerie di Porto che sempre con più partecipazione seguono e apprezzano le attività di educazione ambientale proposte dal WWF in ambito mare, e ci si aspetta dal governo e dal parlamento nazionale una pronta risposta trasformando quanto prima i decreti in leggi dello stato affinché si possa passare dalle parole ai fatti, il WWF – conclude Ciulla – sarà sempre a fianco di chi rispetta e tutela l’ambiente e la natura da qualsiasi parte politica o economica vengano le proposte.”

La campagna “Natura Plastic Free” prevede oltre ad eventi di pulizia delle spiagge dalla plastica con il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle amministrazioni una campagna di educazione ambientale consistente nell’affissione di tabelle nelle spiagge più affollate della costa tirrenica.

Sono già stati piazzati cartelli a Favignana, Altavilla Milicia, Casteldaccia, Santa Flavia, Ficarazzi e presto saranno installati altri cartelli in altre spiagge in accordo con i Comuni e la Guardia Costiera.

I cartelli sono importanti, ma il cartello più importante è quello che dobbiamo piantare dentro la nostra coscienza poichè noi facciamo le cose, e tra queste anche sporcare ed inquinare, grazie al nostro libero arbitrio che è legato alla coscienza, quindi volontà e quindi consapevolezza.

Luca La Scala