Almaviva, Laforgia: Di Maio si occupi del Paese reale, non delle beghe con Salvini

0
113

 

Roma – “Ieri mattina a Palermo le lavoratrici ed i lavoratori Almaviva hanno manifestato per difendere il loro posto di lavoro ed i loro salari. Lavorare in un call center è una delle tante sfumature del precariato italiano e se a questo aggiungiamo anche il fenomeno del dumping della delocalizzazione il problema diventa grave ed il governo ha il dovere di garantire i diritti costituzionalmente riconosciuti. Sono anni che da Almaviva giungono segnali preoccupanti e non è più possibile restare fermi. Temo non sarà sufficiente un tavolo, serve con urgenza una politica industriale all’altezza del nostro Paese.” Cosi’ Francesco Laforgia, senatore di LeU e portavoce di èViva.