Schiaffi e pugni a Infermiere all’ospedale di Sciacca

0
99
Calogero Coniglio Segretario Regionale della FSI-USAE

 

Fsi-Usae: “I ministri Salvini e Grillo cosa intendono fare per tutelare il personale sanitario?”

Sciacca (Ag) – La società vive di un malessere profondo se continuano a erificarsi episodi di aggressività nri confronti del personale sanitario. L’ultimo caso si è verificato ieri all’ospedale “Giovanni Paolo II” di Sciacca. Un infermiere è stato aggredito con schiaffi e pugni mentre si trovava in servizio presso l’area di emergenza, senza alcun motivo. L’aggressore è fuggito ed è stato poi individuato e fermato dai Carabinieri.

Segno questo che qualcosa non funziona, chiaramente sia nelle menti di coloro che compiono questi atti violenti ma sia anche nei politici che ancora si ostinano a registrare senza prendere provvedimenti adeguati. Non si comprende cosa lo Stato intenda fare per porre fine a queste violenze nei confronti del personale sanitario. Ormai i casi di violenza subita sono migliaia ma non si comprende perchè non si prendano adeguate contromisure. In proposito la Fsi-Usaee sull’argomento è determinata a non scendere a compromessi di alcun tipo.

La Fsi-Usae Federazione Sindacati Indipendenti costituente della Confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei, esprime solidarietà all’infermiere aggredito e agli operatori sanitari vittime di questi gravissimi episodi di violenza” – dichiarano Salvatore Ballacchino Segretario Territoriale Fsi-Usae delle province di Agrigento/Caltanissetta e Calogero Coniglio, Segretario Regionale della Fsi-Usae.

La nostra battaglia continuerà ancora per garantire sicurezza al personale sanitario ed ai pazienti che, in questo clima di terrore, non possono ricevere un servizio sanitario efficiente, ma al Ministro della Salute Grillo ribadiamo con decisione che con le sue misure a tutela della sicurezza dei sanitari non è cambiato nulla. Non ha inserito nel suo provvedimento i posti polizia. Non serve girare per gli ospedali e poi il personale viene picchiato e non tutelato, la soluzione ideale andrebbe ricercata provvedendo ad istituire le postazioni di Polizia, come abbiamo detto più volte. Chiediamo a gran voce ai Ministri Salvini e Grillo, cosa intendono fare per tutelare il personale sanitario e portare serenità negli ospedali” – concludono i due sindacalisti.

Maurizio Di Stefano