Una via della seta per Bagheria? Terminata la missione cinese della delegazione bagherese presente al primo summit del World Lemon Industry development

0
25

Bagheria (Pa) – E’ atterrata la delegazione con a capo il sindaco di Bagheria, Filippo Maria Tripoli, dopo 5 giorni di incontri, conoscenza, scambi culturali e dichiarazioni di intenti con il sindaco di Ziyang e le alte cariche della provincia dello Sichuan nel sud-ovest della Cina.
Ultima tappa dopo il summit internazionale dedicato alla produzione, trasformazione e commercializzazione del limone dove Bagheria era l’unica municipalità italiana ad essere stata invitata, il sindaco di Bagheria Filippo Maria Tripoli è stato in visita nel distretto di Tianfu, dove era già stato in visita il presidente Mattarella e dove il Governo italiano sta già collaborando con la Cina per la nascita di un distretto Italo-Cinese per la cultura e l’innovazione nell’area di nuovo sviluppo che vedrà la luce a Tianfu zona di Chengdu, città capoluogo della provincia del Sichuan.
Il distretto che accoglierà sia aziende italiane che cinesi di settori come arte, cultura, intrattenimento, fashion, alimentare e design potrebbe vedere anche Bagheria tra le protagoniste.

«Che si profili la possibilità di una via bagherese della seta, sarà il lavoro che dora in avanti si programmerà» – dice il sindaco di Bagheria, Filippo Maria Tripoli entusiasta per quanto appreso e visto in Cina e per le dichiarazioni di disponibilità alla collaborazione registrate dai vari rappresentanti incontrati in Cina a partire da Wu Xu Sindaco di Ziyang con la quale si è sottoscritta una dichiarazione di intenti.
La dichiarazione, una sorta di gemellaggio, si basa sulle già instaurate relazioni diplomatiche tra la Repubblica popolare cinese e la Repubblica italiana, ed è stata sottoscritta al fine di sviluppare e consolidare l’amicizia e la cooperazione tra le due parti.
Si legge nel documento: «Le due parti perseguiranno il rispetto dei principi di uguaglianza e mutuo vantaggio, scambi e cooperazione nei settori dell’economia, del commercio, della scienza e della tecnologia, della cultura, dell’istruzione, dello sport, della salute e del personale ecc., per promuovere la prosperità e sviluppo comune. Saranno mantenuti contatti regolari i sindaci e gli uffici dei servizi competenti delle due città per facilitare le consultazioni sugli scambi e la cooperazione su questioni di interesse comune».
«Come ha sostenuto il presidente Mattarella, l’Italia, e dunque Bagheria, vede, da tempo, nella Cina non solo un partner economico di primissimo piano, ma anche un motore dell’economia e del commercio mondiale» – dice il sindaco di Bagheria, Tripoli – «non possiamo non tener conto di tale sviluppo e per questo motivo siamo stati orgogliosi di essere stati invitati non solo al summit ma ai diversi incontri bilaterali che hanno visto Bagheria protagonista. Se il governo Italiano sta lavorando ad una nuova Via della seta, vogliamo fare la nostra parte ed esserci» -aggiunge il sindaco – «non pecchiamo nel dire che su certi argomenti pensiamo che la città, nonostante le tante emergenze, abbia il giusto know how e la qualità che i cinesi cercano. Non si tratta solo di “limone”, esso è stato il collante per pensare a progetti cultura li,scambi di conoscenze e nuove opportunità sul turismo museale e culturale. Al momento su questi temi i rappresentanti del distretto collaborano con Bologna e con Firenze, ci hanno chiesto una stretta collaborazione e potremmo essere la terza città di Italia».

«La visita nell’area del Tianfu è stata particolarmente illuminante» sottolinea la delegazione bagherese, si tratta di una nuova zona di sviluppo urbanistico situata a sud di Chengdu, capoluogo della Provincia del Sichuan, tra le città economicamente più dinamiche di tutta la Cina. L’area si estende su una superficie di 1.578 km quadrati.
Elevata nel 2014 dal Consiglio di Stato della RPC ad Area di Sviluppo Urbano di rilevanza nazionale, la TNFA presenta un output economico in aumento costante del 13% annuo, a cui si unisce la creazione di un contesto urbano fondato su ideali di sostenibilità ambientale e vivibilità. La Tianfu New Area ha contribuito ad accelerare lo sviluppo dell’intera area, e si propone come nuovo modello di crescita economica applicabile su scala nazionale per attività quali cultura, innovazione, tecnologia, new economy e servizi di alto livello.
Il sindaco Tripoli nonostante abbiamo informato la cittadinanza, attraverso le notizie trasmesse all’ufficio stampa che ha realizzato i diversi comunicati stampa presenti sul sito comunale ha intenzione, nei prossimi giorni di indire una conferenza stampa o realizzare un video-messaggio per entrare maggiormente nel merito della missione. Aggiornamenti nei prossimi giorni.

Marina Mancini