A Nello Scavo e a Nancy Porsia la solidarietà dei giornalisti cattolici dell’Ucsi

0
85
Nancy Porsia
Nello Scavo
Domenico Interdonato, Presidente Ucsi Sicilia

 

“Questi momenti ci fanno riflettere sul ruolo del Tribunale Internazionale dell’Aja”

Messina – L’Ucsi Sicilia “Unione Cattolica Stampa Italiana” in tutte le sue componenti, manifesta “sostegno e incondizionata solidarietà umana”, dopo avere appreso delle recenti minacce ai colleghi giornalisti Nello Scavo e Nancy Porsia. Scavo e la Porsia sono stati minacciati dai trafficanti di esseri umani per i loro articoli, contro la tratta ed in particolare, per aver segnalato la presenza in Sicilia di Abd al Rahman al-Milad, conosciuto come “Bija” spietato traghettatore accusato dall’Onu e presente in tante inchieste giornalistiche di media internazionali.

I giornalisti cattolici di Sicilia sostengono e sono solidali con Scavo e la Porsia, esprimono la loro preoccupazione e chiedono alle istituzioni nazionali e internazionali il massimo impegno, per proteggere i colleghi e prendere provvedimenti contro chi ha “creato” la preoccupante falla.

“Questi momenti ci fanno riflettere sul ruolo del Tribunale penale internazionale dell’Aja, ente che in questi anni inspiegabilmente non è stato mai chiamato ad assolvere i propri compiti. La tratta di esseri umani e la tortura, sono palesemente crimini contro l’umanità. Serve un coinvolgimento ampio, perché quanto accaduto non si verifichi più. La minaccia ci fa capire che le indagini giornalistiche  svolte sono state efficaci e devono continuare” – ha detto il presidente dell’Ucsi Sicilia Domenico Interdonato.