ATM / Cambiamenti

0
34
Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani

Trapani – ATM , da società “dipendente” del Comune di Trapani si appresta a misurarsi col mercato territoriale e dunque diventare una società di trasporti e mobilità al servizio ed aperta anche ai Comuni che intendono farne parte, per cominciare dal riscontro alla corrente manifestazione d’interesse dei comuni di Erice, Favignana e Paceco. Venerdì pomeriggio l’Assemblea di Atm, Socio Unico Comune di Trapani, ha deliberato per il tramite del Sindaco Tranchida, sulla bozza dei Patti Parasociali, determinando la composizione del Consiglio di Amministrazione a 5, onde garantire anche la pluralità della governance oltre che il controllo analogo dei  Soci in pectore.

Nelle more, nell’imminenza del 30 novembre, quale definitiva decadenza del dr La Rocca, Amministratore Unico in prorogatio dopo l’approvazione del bilancio,  il Sindaco Tranchida ha affidato le mansioni di AU all’attuale direttore tecnico facente funzioni Direttore Generale dr Barone fino al 31/3 o comunque fino all’insediamento del nuovo CdA che ascrive la maggioranza dei componenti dello stesso per i 3/5 in capo al Comune di Trapani, compreso l’individuazione del Presidente/Amministratore Delegato, onde consentire il controllo  societario in capo allo stesso Comune proprietario di Atm, atteso che l’azionariato pubblico in capo ai candidati predetti Soci/Comuni richiedenti servizi (di Mobilità, Parcheggio, Etc) non comporterà particolari stravolgimenti sulle quote riconducibili all’aumento del capitale sociale . La nuova governance, come previsto per legge, verrà individuata dal Sindaco Tranchida che, si avvarrà del concorso dei comuni soci prossimo venturi per l’individuazione/gradimento dei 2/5 componenti CdA e, acquisite manifestazione d interesse, per l individuazione degli altri 3/5 in quota comune di Trapani. Il compenso lordo complessivo del nuovo CdA ovviamente, come previsto per legge, non potrà complessivamente superare il compenso lordo dell uscente Ammre Unico di ATM e, pertanto, sono stati deliberati i compensi in ragione di 10.000€ lorde annue per il Presidente/Amm.re delegato e poco meno di 5.000€ annue lorde per gli altri 4 componenti del nascituro CDA.

I requisiti prof.li dei componenti del nuovo CDA saranno strettamente correlati ad alcune caratteristiche professionali / formative che in misura analoga determineranno elementi di valutazione aggiuntiva in sede di pubblico concorso per l’assunzione a tempo indeterminato del nuovo direttore generale di ATM, che nella stessa seduta assembleare ha visto l’approvazione del bando di concorso, previo parere positivo del Comitato di Vigilanza comunale sulla partecipata Atm  e del Collegio sindacale della stessa.

In sede di Assemblea il Sindaco Tranchida, altresì preso atto del (contraddittorio, rispetto ad analoga vicenda che interessa le partecipate della città di Messina) pronunciamento la revoca in autotutela del regionale ufficio di collocamento circa la graduatoria per gli autisti semestrali. Attesa la necessità del potenziamento dell’organico ha deliberato l’indizione del pubblico concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di 7 autisti e per gli uffici amministrativi di 3 disabili e 1 categoria protetta come previsto dalla legge. Non secondaria ma al pari di strategica valenza  l’autorizzazione ad Atm per procedere all’individuazione del soggetto proponente per la realizzazione di un project financing per il sistema di video sorveglianza cittadino oltre che di
controllo accessi della ZTL, stimabile in circa 5.000.000€ .

 

La gestione ATM dell’AU Massimo La Rocca, che sentitamente ringrazio – dichiara il Sindaco Tranchida – presenta una società sana che comunque la nostra amministrazione vuol far diventare soggetto di Mobilità & Servizi strategico nel comprensorio intanto territoriale, aumentandone le potenzialità espressive grazie alle modifiche statutarie già intervenute col consenso della maggioranza consiliare che mi sostiene – continua Tranchida – adesso la parola passerà ad un plurale e competente CDA che dovrà traghettare la “nuova” società sulle sfide che il mercato odierno ci chiede”.