Servizi sociali. Un anno di accoglienza nei centri notturni e diurni

0
30

 

Palermo – E’ stata redatta, a cura dell’ATS composta da Istituto Don Calabria (in qualità di mandatario), dal Centro Diaconale Istituto Valdese, da La Panormitana – Soc. Coop. Soc. e dall’Associazione di Promozione Sociale Croce Rossa Italiana Comitato di Palermo, una sintesi delle attività svolte nel 2019 nell’ambito del progetto PON Metro 2014 – 2020 relativamente ai servizi per l’inclusione sociale e le azioni integrate di contrasto alla povertà abitativa. Il progetto, in particolare, ha riguardato l’avvio delle attività di accoglienza previste per febbraio 2019 per fronteggiare l’irrigidimento delle temperature e, poi, anticipate al 14 Gennaio 2019 con l’apertura dei Poli Casa San Carlo e Centro Agape; a tale data è seguita l’apertura del terzo Polo, Casa San Francesco, il 13 Febbraio 2019. Secondo il piano un’Unità di Strada (UdS) della Croce Rossa tutte le sere, dalle ore 19:00 alle ore 23:00, per tutto l’anno, avvalendosi di un team composto da tre a quattro operatori, aveva il compito di potenziare l’attività già svolta da altre associazioni del terzo settore.
Secondo un monitoraggio effettuato attraverso la compilazione di una scheda di segnalazione somministrata dall’UdS, al 31.12.2019 sono stati censite n. 168 persone senza dimora che vivono stabilmente in strada. 


L’attività di accoglienza nei Poli diurni e notturni era, invece, articolata come segue: diurno dalle 10.00 alle 18.00 e notturno dalle ore 19.30 ed entro le ore 22.00, salvo deroga in caso di emergenza freddo. L’equipe operativa all’interno di ciascuna struttura era formata da 4 educatori e 1 ausiliare, con l’aggiunta di 1 avvocato e 1 tutor per le tre strutture.

Al 31.12.2019 nelle strutture sono state accolti 194 ospiti in totale, di cui 168 raccolti dall’UdS e la restante parte costituita da utenti che in una fase successiva hanno fatto accesso alle strutture afferenti alla progettualità:

 

San Carlo Agape San Francesco TOTALE
Utenti Accolti Ordinari           49

Emergenze      23

Ordinari           74

Emergenze        7

Ordinari           40

Emergenze        1

Ordinari           163

Emergenze         31

Totale               72 Totale               81 Totale               41 Totale              194

“Grazie al PON e alla indispensabile collaborazione con il Terzo Settore – ha dichiarato l’assessore Giuseppe Mattina – Palermo offre oggi servizi all’avanguardia, lontani dalla logica della mera emergenza e che puntano a realizzare veri percorsi di accompagnamento e inclusione”.   

“Il senso di questo intervento, che speriamo di poter prolungare nel tempo, oltre il prossimo biennio già programmato – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – è quello di mettere al centro la dignità delle persone, partendo dai più fragili. Un obiettivo che vede nella sicurezza per tutti, quella sicurezza  fatta dal rispetto dei diritti, il proprio elemento cardine”.

Alle persone accolte sono stati garantiti dei servizi base:

– servizio doccia (igiene e cura personale);
– servizio lavanderia e guardaroba;
– cena, prima colazione e, per gli accolti nelle ore diurne, pranzo.

Nel corso dell’accoglienza diurna, gli educatori si sono occupati dell’accompagnamento degli ospiti, anche sul territorio, al fine di raggiungere gli obiettivi inseriti nel patto per l’autonomia:

– Residenza virtuale;
– Iscrizione SSN;
– Screening medico-sanitario.

Per quanto alla fuoriuscita dal sistema di accoglienza, nel periodo Maggio/Dicembre 2019, sono stati dimessi gli ospiti con le seguenti modalità:

Allontanamenti coatti per mancato rispetto delle regole di convivenza Allontanamenti Volontari Dimissione per decorrenza termini di accoglienza e inadempienza agli obiettivi del Patto per l’autonomia Inserimenti presso altri servizi Inclusione abitativa/lavorativa
5 10 8 11 23
Totale   57


Il progetto ha previsto, inoltre, la realizzazione di due attività laboratoriali strutturate:

– Laboratorio di economia domestica, che consiste in attività, quotidianamente strutturata, di pulizia degli ambienti comuni e delle stanze, gestione della lavanderia(a turnazione settimanale), lavaggio indumenti personali e kit di igiene. Inoltre, su proposta del gruppo degli ospiti, sarà possibile avviare attività di cucito e stireria (partecipano tutti gli ospiti ad eccezione di chi ha problematiche sanitarie).

– Laboratorio di giardinaggio e cura degli spazi esterni, che consiste in piccoli interventi di manutenzione e cura degli spazi verdi delle strutture che accolgono il servizio. La stipula di protocolli di intesa con enti e associazioni del territorio ha consentito inoltre la realizzazione di attività esterne alla struttura.

Oltre ai laboratori previsti dalla progettualità realizzati, con l’ausilio di personale volontario (Volontari in SCVN, scout ….) sono state messe in atto altre attività strutturate come la manutenzione ordinaria degli ambienti, un laboratorio artistico e manipolativo; manipolazione di materiale plasmabile creta, pongo realizzazione di oggettistica varia con utilizzo di materiale da riciclo, disegno.  

La collaborazione con la rete volontaristica e con il territorio è stata formalizzata anche attraverso la stipula di protocolli di intesa con alcuni enti/associazioni che si occupano di assistenza e accompagnamento di persone senza dimora: Associazione PerlaRosa, Associazione ANIRBAS, Associazione Apriti Cuore ONLUS, , Associazione Centro Padre Nostro, Comunità Sant’Egidio, CVX Comunità di Vita Cristiana, Associazione Tommaso Natale e Dintorni.