La Polizia di Stato scova un laboratorio della droga in un appartamento di Brancaccio. Sequestrato mezzo chilogrammo di hashish e arrestato un 22enne

0
27

Palermo – Con un blitz fulmineo e risolutivo, la Polizia di Stato ha scovato un laboratorio  di Hashish all’interno di un appartamento di Brancaccio ove, di fatto, era domiciliato anche lo spacciatore, responsabile del confezionamento della droga.

Del confezionamento oltre che della detenzione ai fini di spaccio dovrà rispondere  Anselmo Davide, 22enne di Villabate, ma di fatto domiciliato in Largo Giuliana a Brancaccio.

Alla base dell’incursione nell’appartamento una paziente attività di osservazione da parte dei polizotti della sezione “investigativa” del Commissariato di P.S. “Brancaccio” che, nell’arco di alcune ore, hanno registrato un via vai sospetto in quello stabile. Dapprima lungo il perimetro esterno dell’edificio, successivamente all’interno, addirittura nascosti in un sottoscala nei pressi del vano contatori, gli agenti hanno atteso il momento più propizio al blitz, che è scattato ed ha sorpreso Anselmo disteso a letto con lo stupefacente ancora in bella vista sul tavolo della cucina.

Insieme ai poliziotti nell’immobile hanno fatto ingresso anche le Unità Cinofile antidroga della Questura con il cane poliziotto “Yndira” che ha perlustrato tutti gli ambienti alla ricerca di altre tracce utili alle indagini: in cucina, all’interno di un centro tavola, è stato rinvenuto così un sacchetto in plastica di colore bianco contenente due panetti di Hashish del peso complessivo di grammi 500; all’interno dello stesso sono state rinvenute bustine in plastica ed altro materiale utile al confezionamento al dettaglio dello stupefacente; inoltre, nell’armadio della camera da letto è stata trovata una busta in plastica contenente denaro, oltre 6.000 Euro, ritenuto provento dell’attività di spaccio e quindi sottoposto a sequestro; il cane “Yndira” ha poi indirizzato gli agenti verso un battiscopa in legno annesso alla cucina componibile, al cui interno era stato celato materiale utile al confezionamento e al taglio dello stupefacente, quali coltelli e tagliere entrambi intrisi di Hashish, due bilancini ed altri oggetti utili allo stesso scopo.

Anselmo è stato quindi tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale “Lorusso-Pagliarelli”.