Sequestrate due tonnellate di frutta. Sanzioni, dalla Polizia di Stato, per 10mila euro a Brancaccio e Kalsa

0
29

 

Palermo – Continuano senza soluzione di continuità le attività di controllo volte al contrasto del fenomeno dell’ abusivismo commerciale. I servizi, svoltisi nei giorni scorsi che hanno riguardato i quartieri cittadini di Brancaccio e  della Kalsa, hanno visto impegnata in prima linea la Polizia di Stato. A coordinare i dispositivi di controllo, i poliziotti dei Commissariati di P.S. “ Oreto-Stazione” e “Brancaccio”, che hanno proceduto unitamente ai colleghi del Reparto Prevenzione Crimine, nonché a personale della Polizia Municipale, dell’ASP e della SIAE.

Come sempre, tutte le componenti impiegate nel servizio, secondo le loro specificità, hanno lavorato in sinergia per contrastare malcostumi e inadempienze che sfociano nell’illegalità.

I servizi effettuati nel  quartiere Brancaccio, in particolare in piazza Torrelunga, hanno permesso di inviduare un ambulante intento a vendere abusivamente frutta e ortaggi. Al controllo l’uomo è risultato sprovvisto di qualsiasi tipo di autorizzazione per il commercio su suolo pubblico e pertanto, oltre ad essere sanzionato amministrativamente per 309 Euro, è stato anche denunciato all’Autorità Giudiziaria per occupazione abusiva di suolo pubblico e possesso di alimenti in cattivo stato di conservazione. A suo carico è stato disposto inoltre il sequestro di 2.015 kg di frutta che, in quanto ritenuta idonea al consumo, è stata donata ad alcuni istituti di beneficenza locali; diversa sorte invece per 59 kg di prodotti cotti (quali patate, carciofi ed altri ortaggi) che a causa del loro cattivo stato di conservazione sono stati dichiarati non idonei al consumo umano dai medici dell’ASP e, pertanto, avviati alla distruzione. Sottoposti rispettivamente a confisca e sequestro anche due automezzi, un furgone ed una motoape, che il venditore utilizzava per il commercio ambulante: il primo è risultato infatti già sottoposto a sequestro per pregresse violazioni, mentre il secondo è risultato privo di assicurazione e di revisione.

Il totale delle sanzioni per le violazioni al codice della strada riscontrate ammonta ad oltre 4.500 Euro.

L’attività ispettiva e di controllo, volta al contrasto dell’abusivismo commerciale, con accertamenti di natura amministrativa, ha interessato anche il quartiere della Kalsa, dove sono state riscontrate irregolarità su due locali, rispettivamente un pub ed un ristorante ubicati in piazza Sant’Euno

Gli accessi amministrativi effettuati hanno fatto rilevare nel primo locale una non  conformità alla DIA Sanitaria, rilevata dal personale dell’ASP, con la contestazione della  relativa sanzione di Euro 2000.

In relazione al secondo esercizio, invece, è stata riscontrata la presenza di una struttura esterna di pertinenza del locale, estesa per circa mq.50 su suolo pubblico, risultata abusiva e pertanto sottoposta a sequestro preventivo ai sensi dell’art.321 c.p.p.. Nei confronti del titolare sono state elevate sanzioni per diverse violazioni, quali occupazione abusiva di suolo pubblico, violazioni al Regolamento Comunale Dehors e somministrazione non autorizzata di alimenti e bevande all’esterno del locale, per un totale di circa 2.500 Euro. Il titolare è stato, inoltre, deferito all’ A.G. in relazione alla violazione degli artt. 633 e 639 bis c.p. per invasione di terreno pubblico, nonché per aver deturpato cose di interesse storico artistico (basole del terreno ove erano affogati i perni di una struttura tipo dehors abusiva) e danneggiamento.