Sant’antonio, le celebrazioni della reliquia 

0
165
il sindaco Massimiliano Giammusso

 

Gravina di Catania (Ct) – – La comunità gravinese si appresta a celebrare la memoria del ritrovamento della “Lingua incorrotta” di Sant’Antonio di Padova, avvenuto il 15 febbraio del 1263, e il ventesimo anniversario della donazione di una reliquia del Santo alla città di Gravina. Al centro del programma delle celebrazioni ci sarà la processione e il pontificale solenne dell’Arcivescovo di Catania Mons. Salvatore Gristina, che si terrà sabato 15 febbraio alle ore 18.00 presso la Chiesa Madre. 

«Sarà un ulteriore momento in cui la comunità si riunisce nel segno della fede ma anche dell’identità e delle tradizioni che da sempre contraddistinguono la nostra città – ha commentato il sindaco Massimiliano Giammusso – l’amministrazione sarà presente per testimoniare ancora una volta la vicinanza alla comunità parrocchiale guidata da Padre Antonio Testaì e alla Confraternita di Sant’Antonio di Padova retta dal maestro Andrea Maugeri, il quale svolge un’attività preziosa non solo dal punto di vista dell’aggregazione religiosa, ma anche sotto l’aspetto artistico e culturale con la direzione della corale “Mater Domini” che si esibirà proprio al termine del pontificale». Gli appuntamenti celebrativi prevedono anche diverse conferenze che si terranno presso la Chiesa Madre: alle ore 19 di giovedì 13 febbraio con il reverendo Massimo Corallo sul tema “S.Antonio di Padova e l’Evangelizzazione oggi, mentre venerdì 14 febbraio, sempre alle ore 19 con il prof. Antonio Aiello sul tema “Nel nome del Padre: Fernando da Lisbona. Vita e opere di S.Antonio di Padova”. Domenica 16 febbraio 2020 sarà la vera e propria “Festa delle Lingua di Sant’Antonio”, con il corteo processionale con la reliquia che partirà alle 17.00, mentre alle 18 la solennità della messa sarà animata ancora dalla corale polifonica “Mater Domini” con l’accompagnamento di un quartetto d’archi e l’organo del maestro Andrea Strazzulla.

Ph:il sindaco Massimiliano Giammusso