“Non luogo a procedere” nei confronti di Padre Giovanni Salonia

0
222
Corrado Lorefice

Palermo – Non luogo a procedere” nei confronti di Padre Giovanni Salonia
“Gaudet Ecclesia” Palermitana Venerdì 28 febbraio 2020, il Giudice per le Udienze Preliminari del Tribunale di Roma, Daniela Caramico D’Auria ha emesso la sentenza di non luogo a procedere nel processo che aveva coinvolto Padre Giovanni Salonia. La decisione del Giudice dimostra e dichiara ampiamente la fine “del calvario delle calunnie” sollevate contro di lui sia nel febbraio 2017, allorché fu nominato da Papa Francesco Vescovo
ausiliare dell’Arcidiocesi di Palermo, sia a seguito dell’incontro
avuto con il Santo Padre nella Cattedrale di Palermo in occasione
della visita del 15 settembre 2018.

L’improcedibilità dell’azione penale, sentenziata dal Giudice a
motivo della tardività con cui era stata presentata la querela,
conferma l’atteggiamento calunnioso, pianificato ai danni di Padre
Salonia e contestualmente volto a delegittimare l’Arcivescovo di
Palermo e a colpire il Santo Padre, mentre restituisce a Fra Giovanni
la piena innocenza e l’autorevolezza sacerdotale e professionale che
da sempre gli viene riconosciuta.

«Nonostante tali infondate accuse, agevolate dalla diffusione di vere
e proprie fake news da parte di alcuni organi di stampa, – sottolinea
l’Arcivescovo Mons. Corrado Lorefice – in questi due anni, insieme a
Padre Giovanni Salonia, la Chiesa di Palermo, seppur nella dura prova,
ha continuato a confidare nella magistratura ordinaria, attendendo nel
silenzio e nella preghiera, il sopravvento di “ciò che è scritto
nel libro della verità” (Dn 10, 21)».

Ph:Monsignor Corrado Lorefice