Lavoro e Diritti:Rassegna Sindacale e dei Diritti del Cittadino a cura del Prof. Avv. AurelioD’Amico

0
61

 

Piu’ Circolano le Idee e Piu’ siamo Liberi e Forti

 

Bagheria (Pa) – La  Conf.A.I.  Confederazione Amministratori Immobiliari ha raccolto la osservazione di un proprio iscritto il Dott. Ignazio Intrivici sul fatto che il DPMC non prevede fra le attività autorizzate anche quella degli Amministratori Condominiali.

Il Dott. Ignazio Intrivici  riscontra probabilmente un errore nell’escludere una attività professionali così importante per il suo risvolto sociale ed essenziale a garantire i servizi di prima necessità ai Condominii.

E’ veramente grave avere escluso chi  in questo momento può collaborare con lo Stato in prima linea a segnalare e risolvere i problemi dei piu’ deboli e delle fasce sociali che vivono in condominio costretti a convivere in una situazione così delicata.

Ma lasciamo spazio alla email che il Dott. Ignazio Intrivici ha inviato alla nostra sede che sicuramente apre una discussione interessante e ampia sopra tutto per collaborare a livello sociale e a far rispettare l’ordine pubblico .  

 

Pubblicata sul post  Face Book Confai sicilia del 24 marzo 2020

Foto di Repertorio del Dott. Ignazio Intrivici (sulla destra in alto con la barba)  e i colleghi Conf.A.I.

 

Pubblichiamo la lettera del nostro Collega Dott. Ignazio Intrivici,  che merita essere letta perchè sarebbe veramente gravissimo che lo Stato escluda dalle attività autorizzate quella dell’amministratore condominiale. L’Amministratore riveste  una funzione essenziale e  a maggior ragione proprio in un momento come quello di oggi il suo ruolo è determinante. I condominii sono una polveriera che non puo’ essere lasciata alla ingovernabilità. Occorre inserire tra le attività autorizzate anche quella dell’Amministratore condominiale che ha sempre rivestito importanza sociale ma a maggior ragione oggi che i condomini non possono uscire dallo stabile.

“……Dando lettura alla lettera inviata dal presidente di Anaci, Francesco Burrelli, al premier Conte, nonché ai ministri Speranza (Salute) e Bonafede (Giustizia) e al capo della Protezione Civile Angelo Borrelli con oggetto: Amministratori condominiali fondamentali per gestire la filiera dell’emergenza e garantire i servizi essenziali nei condomini (di cui si allega),  mi son reso conto che magari il governo l’avrà pure ascoltato e secondo me dal Ministero quando hanno fatto la lista delle attività autorizzate a permanere aperte, di cui si fa riferimento nell’allegato 1 del Dpcm del 22/3 u.s. al posto di mettere il codice Ateco 68.32 che ad oggi ci rappresenta e rappresenta la ns professione, per mero errore hanno inserito il vecchio codice Ateco 97 creando solo confusione e non valorizzando la ns reale attività di Amministratori Condominiali Prefessionali (ove utilizzando questo codice anche se erroneamente non veniamo riconosciuti come attività di amministratori in quanto esclusi). Anche perché questa attività col cod. 97 in questo momento non capisco a chi vogliono valorizzare se non noi……

https://www.codiceateco.it/codice-ateco

DENOMINAZIONE ATECO:

AMMINISTRAZIONE DI CONDOMINI E GESTIONE DI BENI IMMOBILI PER CONTO TERZI CODICE ATECO: 68.32.00

DESCRIZIONE:

attività delle agenzie incaricate di riscuotere i canoni d’affitto

attività delle agenzie incaricate di gestire residence in multiproprietà

gestione dei servizi effettuati da terzi su immobili di proprietà altrui (property management, building management)

attività degli amministratori di condomini

Dalla classe 68.32 sono ESCLUSE:

attività legali, cfr. 69.10

attività di assistenza svolta attraverso servizi integrati di gestione agli edifici (combinazione di servizi come pulizie generali di interni, manutenzione ordinaria e piccole riparazioni, smaltimento di rifiuti, servizi di portineria e sorveglianza), cfr. 81.10 condomini come datori di lavoro per personale domestico, cfr. 97.00

 

 

DENOMINAZIONE ATECO:

ATTIVITÀ DI FAMIGLIE E CONVIVENZE COME DATORI DI LAVORO PER PERSONALE DOMESTICO  CODICE ATECO: 97.00.00

DESCRIZIONE:

 

attività di famiglie e convivenze (inclusi i condomini) come datori di lavoro per personale domestico quale collaboratori domestici, cuochi, camerieri, guardarobieri, maggiordomi, lavandaie, giardinieri, portinai, stallieri, autisti, custodi, governanti, baby-sitter, badanti, istitutori, segretari eccetera

 

Dalla classe 97.00 sono ESCLUSE: servizi di preparazione di pasti, giardinaggio eccetera da parte di fornitori indipendenti (aziende o individui), cfr. in base al tipo di servizio attività degli amministratori di condomini, cfr. 68.32

Ignazio Intrivici

Amministratore Condominiale


Amministratori  Condominiali  e di tutta la Sicilia riflettete e lottate con la Conf.A.I.