RAP: “Garantita la raccolta in città ma restano sospesi i servizi di spazzamento, a domicilio e CCR”

0
24

 

Palermo – In considerazione del perdurare dell’emergenza CoViD-19, RAP continuerà ad assicurare ai cittadini i servizi essenziali che consistono nella raccolta dei rifiuti sia da cassonetti che nell’area del “porta a porta”.  I servizi, già sospesi lo scorso 19 marzo, quali spazzamento, ritiro ingombranti a domicilio e Centri Comunali di Raccolta, continueranno a rimanere sospesi e non resi fino a venerdì 3 Aprile.

Pur tuttavia, al fine di tutelare la salute pubblica e per contrastare la diffusione del coronavirus, l’azienda ha attivato, nell’intera città di Palermo, delle attività straordinarie, richieste dall’Amministrazione comunale, per igienizzare quanto più possibile assi viari e i siti di maggiore aggregazione (prossimi a farmacie e supermercati) e nel contempo ha programmato all’interno nei propri autoparchi azioni di lavaggio e di igienizzazione delle sedi aziendali e di sanificazione dei mezzi operativi.

Pertanto, si invitano i cittadini, ancora una volta, a collaborare con la RAP, in questo momento delicato, per tenere pulita la città, attenendosi scrupolosamente alle regole sui conferimenti dei rifiuti e cercando di rispettare gli orari di esposizione secondo regolamento comunale e ordinanze sindacali.

Per quanto riguarda l’area servita dal “porta a porta” bisogna esporre esclusivamente la frazione prevista nel giorno, separando correttamente i propri rifiuti (plastica- metalli, vetro e frazione umida).  È vietato abbandonare rifiuti negli angoli delle strade, accanto alle campane del vetro e accanto ai cestini getta carte che hanno una funzionalità diversa dai cassonetti stradali. Per quanto riguarda il residuo non riciclabile, l’esposizione è prevista esclusivamente il martedì dalle ore 19 alle ore 22.  Mascherine, guanti e gli stessi fazzoletti di carta utilizzati, devono essere buttati nella frazione residua non riciclabile. Inoltre, é doveroso ricordare che è assolutamente vietato conferire o esporre rifiuti nel giorno domenicale.