Il plauso di Salvatore Sardisco al N.I.C. per la cattura del latitante “Johnny lo Zingaro”

0
914

 

Monreale (PA) – Il plauso di Salvatore Sardisco al N.I.C. per la cattura del latitante “Johnny lo Zingaro”.

«Aveva ricevuto un permesso premio ma ne ha approfittato per scappare e far perdere le sue tracce: stiamo parlando del latitante Giuseppe Mastini, conosciuto come “Johnny lo Zingaro” scappato, come dicevamo prima, dopo un permesso premio dal carcere di Sassari lo scorso sei settembre. Il latitante è stato catturato dalla Polizia Penitenziaria proprio nelle campagne in provincia di Sassari nascosto in un casale in una zona rurale. L’evaso è stato stanato e riconsegnato alla “giustizia” grazie all’operazione dei N.I.C., Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria con la collaborazione della Polizia di Stato. Appena fermato il detenuto “Johnny lo Zingaro” ha detto: “Ho fatto una grossa fesseria, lo so”. La sua fuga è durata dieci giorni. “Desidero esprimere come uomo che fa parte del Corpo della Polizia Penitenziaria e come Coordinatore Nazionale della polizia Penitenziaria del Sindacato FSI-USAE il mio plauso al Nucleo Investigativo Centrale per la brillante operazione portata a termine con professionalità e sinergia d’azione investigativa.

E’ un segno di riconoscimento – dice Salvatore Sardisco, che vanta ben trenta anni di servizio nel corpo della Polizia Penitenziaria -che va a tutta la squadra del N.I.C. e alla Polizia di Stato che hanno riconsegnato alla giustizia un latitante che non aveva fatto i conti bene con l’azione di sorveglianza e le strategie che sanno di attenta professionalità di chi è chiamato alla tutela e al servizio in un Corpo così significativo come la Polizia Penitenziaria”.  Anche al quarto Convegno Nazionale del Parlamento della Legalità Internazionale, svoltosi lo scorso cinque settembre a Poggio san Francesco (Monreale) con tanto di Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri sul tema “Dovere, Legalità e Gratitudine: quando le persone normali diventano Eroi”. Salvatore Sardisco ha conferito degli attestati di riconoscimento a diversi uomini della Polizia Penitenziaria che con profondo zelo, alta professionalità e spirito di servizio si sono distinti in delicate azioni dando voce a quelli che sono i veri principi della Costituzione Italiana vissuti con una divisa sul corpo. “La gratitudine – conclude Salvatore Sardisco – non deve mancare mai poiché’ sprona ogni uomo e ogni donna che svolge un servizio a poterlo espletare sempre meglio e bene per salvaguardia della collettività specie se fa parte di un Corpo di Polizia”».

Ph:Salvatore Sardisco

longo@gdmed.it

Giuseppe Longo