Ridulfo, Pisa, Candiloro: “Un Pride antifascista per ribadire il no alla violenza e alle discriminazioni di genere, a sostegno dei diritti sociali e civili”

Palermo –  La Cgil Palermo  aderisce alla parata del Pride “Fascisti  tremate, le streghe sono tornate” che si svolgerà oggi pomeriggio con partenza  alle ore 15 al Foro Italico e arrivo alle 19 a Villa Filippina.
     “La Cgil ha sempre aderito e partecipato  al Palermo Pride che consideriamo un grande appuntamento per la nostra città, per esprimere sostegno ovunque esistano diseguaglianze, diritti negati e discriminazioni di genere  – dichiara Mario Ridulfo, segretario generale Cgil Palermo – Dopo due anni di assenza, il corteo di oggi è un simbolo del progressivo ritorno alla normalità. Anche questo, come l’ultima edizione del 2019, dal titolo  “Favolosamente Antifascista”, sarà  un pride antifascista,  che ribadisce ancora di più quanto la città di Palermo sia legata ai principi e valori  e della Costituzione,  come hanno dimostrato i numerosi attestati di solidarietà che abbiamo ricevuto in queste settimane dopo l’attacco del 9 ottobre alla sede  del sindacato”.  

   Una  parata che anche per la Cgil assume un valore particolare all’indomani dello stop al  Ddl Zan al Senato.  “Abbiamo perso un’altra occasione  – continua Mario Ridulfo – per avere nel nostro Paese una legge di contrasto ai crimini d’odio e alla violenza di genere”.  
   “L’affossamento della legge Zan – dichiara Enza Pisa, responsabile del coordinamento donne Cgil Palermo – dimostra quanto sia distante la politica dal sentire della società civile. C’’è necessità di reagire tutti insieme e fare alleanza con l’associazionismo e l’attivismo perché non si vada indietro nella lotta per i diritti che prima ancora di cittadinanza sono di civiltà”.  E aggiunge Angelo Candiloro, responsabile Associazionismo per la Cgil Palermo: “Crediamo che i diritti sociali abbiano piena importanza nel nostro Paese. In particolare, la mancata approvazione del Ddl Zan  ci mette di fronte al fatto che la lotta di classe per i diritti sociali e civili debba camminare insieme.  Unire le lotte per una lotta generale.

L’appuntamento di oggi è la prima occasione per fare queste lotte insieme. Ed è importante, sul  fronte dei diritti sociali, che sia Mimmo Lucano, il  testimonial del Pride, a rappresentare la necessità dell’unione di questi due fronti”.

    Il corteo partirà dal Foro Italico, proseguirà per corso Vittorio Emanuele,  via Roma, via  Cavour, via Pignatelli Aragona, fino a piazza San Francesco di Paola. All’interno di Villa Filippina,  la serata  a cura del coordinamento Palermo Pride, nel  Village allestito nel giardino, con interventi politici e musica. Quest’anno come testimonial è stato scelto Mimmo Lucano, l’ex sindaco di Riace, da poco condannato in primo grado per la gestione dell’emergenza migratoria.