Impianti acque bianche e nere il tema discusso oggi in I Commissione Consiliare

Messina – La I Commissione Lavori Pubblici, presieduta dal Consigliere Comunale Libero Gioveni, ha affrontato con il Presidente e il Direttore generale di Amam S.p.A., rispettivamente Loredana Bonasera e Santi Trovato, diverse questioni legate soprattutto alla gestione delle manutenzioni degli impianti acque bianche e nere e ad altre irrisolte. “Dall’ampio dibattito – spiega Gioveni – è emerso che su un totale di 45.000 caditoie in città per la manutenzione delle quali il Consiglio Comunale ha approvato l’ultimo contratto di servizio ed anche un cospicuo aumento di capitale, sono stati eseguiti interventi in circa 4000 grazie ad un contratto in essere fino a giugno per un massimo di 5000 griglie frutto di una gara di 400.000 euro, attraverso due grossi mezzi aspiratrici divisi tra zona nord e zona sud; a gennaio è previsto invece un altro appalto da 1 milione di euro. Per la manutenzione degli impianti fognari invece – prosegue il Presidente – vi sono in essere sia contratti per la manutenzione ordinaria, sia per quella straordinaria, a cui si aggiungono interventi programmati per la realizzazione di nuove reti in diverse zone ancora sprovviste. A tal riguardo la Commissione ha focalizzato l’attenzione anche sull’annosa ed irrisolta problematica della totale assenza di rete idrica e fognaria nel tratto Tono-Mortelle, per il quale si attende ancora dalla Regione l’approvazione del progetto per la realizzazione del depuratore di Tono, mentre per la fornitura idrica vi è in corso una perizia per il funzionamento della condotta già esistente tra la zona di Spiaggia d’Oro e Timpazzi. Infine – conclude Gioveni – è stata data una possibile soluzione per i continui allagamenti in un tratto di viale della Libertà, che si tenterà di risolvere realizzando una vasca a perdere vicino all’impianto di sollevamento ubicato nei pressi dei locali dell’ex Standa”.