Il Consiglio europeo delle ricerche (ERC) stanzia 619 milioni di € per le prime sovvenzioni di Orizzonte Europa : 58 italiani tra i 397 premiati

Bruxelles – Il Consiglio europeo della ricerca (ERC) ha annunciato i beneficiari delle sue sovvenzioni “Starting grants”: 397 scienziati di talento a inizio carriera hanno ricevuto un totale di 619 milioni di € per portare avanti i loro progetti in tutta Europa.

Del valore medio di 1,5 milioni di € ciascuna, queste prime sovvenzioni dell’ERC concesse nell’ambito di Orizzonte Europa aiuteranno i giovani ricercatori a realizzare le loro migliori idee, ad avviare i loro progetti e a formare le loro équipe. Le proposte selezionate riguardano tutte le discipline di ricerca, come le applicazioni mediche dell’intelligenza artificiale, la progettazione di nuove generazioni di dispositivi informatici a controllo luminoso o una maggiore trasparenza del marketing degli influencer sui social media. Le ricercatrici hanno ottenuto circa il 43% sul totale delle sovvenzioni, la percentuale più elevata ad oggi (nel 2020 avevano raggiunto il 37%).

La Commissaria europea per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, Mariya Gabriel, ha dichiarato: “Con questa prima serie di sovvenzioni da tempo attese, sono lieta di constatare che il Consiglio europeo della ricerca rimane un faro per la scienza basata sull’eccellenza e sulla curiosità nell’ambito di Orizzonte Europa. Attendo con interesse di vedere quali nuovi sviluppi e opportunità ci regaleranno i vincitori delle sovvenzioni del CER e come questi incoraggeranno i giovani a seguire la loro curiosità e a fare nuove scoperte a vantaggio di tutti noi.”

Maria Leptin, presidente del Consiglio europeo della ricerca, ha dichiarato: “Garantire che i giovani talenti prosperino in Europa e seguano le loro idee più innovative è il miglior investimento nel nostro futuro, in particolare data la crescente concorrenza mondiale. Dobbiamo continuare a far sì che l’Europa rimanga una potenza scientifica”.

I vincitori delle sovvenzioni, di 45 nazionalità diverse, hanno proposto di condurre i loro progetti in università e centri di ricerca di 22 paesi dell’UE e di paesi associati.

Tra i 397 giovani talenti premiati, 28 sono ospitati in Italia e in tutta Europa se ne contano 58 di nazionalità italiana (seconda nazionalità dei premiati a livello europeo dopo la Germania, con 67 vincitori, e davanti alla Francia con 44). Tra i progetti più promettenti l’ERC segnala anche quello di Francesca Coscia, che studia l’ormone della tiroide presso la Fondazione Human Technopole di Milano.