Niente da fare per Ragusa a Schio

Ragusa – Le tante assenze, il ritorno in campo dopo la sosta forzata causa Covid, un avversario che non ha lasciato praticamente nulla per tutti i 40 minuti. Nulla ha potuto la Passalacqua Ragusa che, oltre alla lungodegente Consolini, sul campo del Famila Schio si è presentato ancora privo di Samantha Ostarello ma anche di Asya Taylor, che ha sentito un dolore all’anca e che oggi non si è sentita di giocare. Poco o nulla da raccontare della partita sul campo delle orange, che hanno dominato sia in difesa che in attacco, ma soprattutto a rimbalzo, raccogliendo 53 seconde palle contro le 21 di Ragusa. Dopo un primo quarto che tutto sommato resta in equilibrio, la Passalacqua segna appena 9 punti nel secondo e 8 nel terzo, con il match che si chiude virtualmente anzitempo e che alla sirena finale termina con il punteggio di 77-41. Per coach Recupido il lavoro è soprattutto indirizzato sul recupero delle proprie giocatrici.

“Non posso che fare i complimenti alle ragazze che ci hanno messo tutto quello che avevano – commenta coach Gianni Recupido – hanno avuto un impatto super positivo nel primo quarto, poi è chiaro che iniziando le rotazioni scema l’intensità, ma abbiamo sbagliato anche cose che sono normali quando si viene da uno stop così lungo, e soprattutto a rimbalzo non c’è stata partita. Quello che rimprovero a loro e anche a me stesso è il fatto che in alcuni momenti dovevamo essere più furbi e rallentare il gioco, perché poi ci siamo esposti anche al loro contropiede, però ripeto che dal punto di vista dell’impegno e dell’intensità non c’è nulla da dire”. Domenica prossima impegno casalingo con Empoli.  

Tagliamento