Assoluzione dell’Ispettore della Polizia Municipale Giuseppe Parialò

L’ex sindaco De Luca e l’assessore Dafne Musolino: soddisfatti per questa sentenza che ristabilisce la verità dei fatti

Messina – “Esprimiamo grande e sincera soddisfazione per la sentenza con la quale la Corte d’Appello di Messina, Prima sezione penale, ha assolto con formula piena l’Ispettore della Polizia Municipale Giuseppe Parialò dalla ignominiosa accusa di falso, per la quale lo stesso era stato condannato l’anno scorso alla pena di 8 mesi reclusione, pena sospesa.”

A dichiararlo l’ex sindaco della città di Messina Cateno De Luca e l’assessore con delega alla Polizia Municipale Dafne Musolino.

L’accusa all’Ispettore Parialò era scaturita dagli accertamenti che la Polizia Municipale di Messina, sezione di PG, su mia richiesta come Sindaco di Messina, aveva avviato nell’ambito della famosa vicenda della comitiva degli sciatori che, rientrando da Madonna di Campiglio nei primi giorni di marzo 2020, non avevano rispettato le disposizioni nazionali e regionali anti -covid in merito alla segnalazione di rientro da zona rossa ed isolamento fiduciario, dando verosimilmente luogo al primo cluster di contagio per Covid nella città di Messina.

“Siamo sempre stati certi della correttezza dell’operato della Polizia Municipale di Messina e della sezione di PG coordinata all’epoca dei fatti dall’Ispettore Parialò e non abbiamo esitato a ribadirlo in ogni sede. Anche per tale ragione, dunque, ribadiscono Cateno De Luca e Dafne Musolino, la sentenza della Corte d’Appello di ieri non ci stupisce, ma ci conferma la nostra fiducia nella Giustizia, mentre continuiamo a ritenere paradossale che l’Ispettore Parialò sia stato accusato di avere commesso un falso, accusa dalla quale è stato finalmente prosciolto dalla Corte d’Appello, mentre le identità degli sciatori e le relative responsabilità sembrano essere state coperte da una coltre di neve che non conosce il disgelo dell’accertamento della verità!”