L’anima poetica della geografia umana.Le foto di Shohba alla galleria permanente dei Cantieri Culturali della Zisa

Palermo – Non sono numerose le foto selezionate per la mostra realizzata da SHOHBA alla Galleria dei Cantieri culturali, eppure questa simbiosi artistica con la poetessa polacca premio Nobel Wislawa Szimborska realizza un ponte culturale tra il paesaggio mediterraneo , evocato nelle immagini esposte in bianco e nero, e il simbolismo delle donne immerse in stati d’animo differenti.

SHOHBA al suo esordio con una “ personale ”alla Galleria fotografica dei Cantieri, istituzione permanente voluta da Letizia Battaglia per immortalare il recente passato doloroso e controverso della città’ urbanizzata, si lascia catturare dalla poetica sofferente della Szimborska per documentare i suoi volti femminili, volti presenti in vario modo nell’ampia galleria di immagini che l’istituzione culturale municipale ha voluto dedicare alla multiforme città’.

In questa fase dell’anno i Cantieri culturali offrono eventi legati alle arti figurative associate a installazioni non sempre dal linguaggio artistico scorrevole per il grande pubblico, eppure sono uno sforzo nel contemporaneo per cementare quell’asse tra il mediterraneo e il nord Europa che e’ alla base della filosofia espositiva di arte contemporanea dei Cantieri ( lo abbiamo visto anche per la mostra del Liberty o quelle della Fondazione Merz ) diversi certamente dalle analoghe sperimentazioni di Palazzo Riso , di Palazzo dei Normanni ( Bill Viola ), Palazzo Sant’Elia o Palazzo BUTERA.

Ma lo spazio dei Cantieri culturali andrebbe valorizzato anche per la vicinanza col parco della Zisa, le sue specie arboree, i sistemi idrici del passato, le tracce medievali di una Palermo che va sempre più’ inglobandosi e perdendo i connotati storici nella periferia urbana tra l’Olivuzza e il quartiere “ Quattro Camere”!

Claudio Paterna