M5S: “Da Musumeci soldi pubblici per pubblicizzare in tv il suo scarso operato”. Scatta interrogazione all’Ars

Spot sulle reti nazionali, i 5 Stelle: “Non cambierà il giudizio sul disastroso governo regionale, andato avanti a forza di esercizi provvisori e leggi impugnate” 

Palermo – ““Se  Musumeci è stato costretto ad investire soldi  pubblici per pubblicizzare il suo operato, è evidente che di quello che ha fatto il suo governo, cavalli di Ambelia a parte, non s’è accorto quasi nessuno. Non sarà comunque  uno spot, dall’evidente sapore elettorale,  a cambiare il giudizio sul suo disastroso governo, che rimane certamente uno dei peggiori degli ultimi decenni. E non certo per colpa del Covid. Anche prima dello scoppio della pandemia l’esecutivo Musumeci, che è andato avanti a  forza di esercizi provvisori e inguardabili toppe su leggi impugnate, si era  distinto per la sua totale inconcludenza”.

Lo affermano i deputati del M5S all’Ars a commento degli spot della Regione Siciliana che stanno andando in onda in questi giorni sulle tv nazionali.

“Altro che ‘governo del fare’, si pubblicizza l’attività dell’esecutivo ‘del nulla’ – proseguono i deputati – facendo propaganda con i fondi Fesr che secondo quanto ci risulta dovrebbero essere utilizzati, piuttosto, per promuovere le risorse della Sicilia e non i tagli del nastro. Anche per questo presenteremo un’interrogazione urgente all’Ars per chiedere spiegazioni al governo regionale sulla strategia di comunicazione adottata e per sapere quanto sia costata ai siciliani”.