Iniziativa a Casa Felicia (Cinisi), presente Don Luigi Ciotti

Cinisi (Pa) – Tutti a Casa Felicia per difendere “Il valore etico e culturale del riutilizzo dei beni confiscati alle mafie”, con la presenza a Cinisi di Don Luigi Ciotti e del presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra. Saranno presenti anche Vincenza Rando ufficio legale e vicepresidente di Libera, Luisa Impastato, il Sindaco di Cinisi Giangiacomo Palazzolo, coordina l’incontro il giornalista Toni Mira.

Oggi alle ore 11.00 sarà realizzata a Cinisi presso “Casa Felicia” (traversa di Via Libertà, vicino lo stadio) l’iniziativa intitolata “Il valore etico e culturale del riutilizzo dei beni confiscati alle mafie”, indetta dall’Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato e dall’Associazione Libera contro le mafie.

Relatori:

Don Luigi Ciotti – Presidente dell’Associazione Libera contro le mafie

Luisa Impastato – Presidente dell’Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato

Nicola Morra – Presidente della Commissione parlamentare antimafia

Vincenza Rando – ufficio legale e Vicepresidente dell’Associazione Libera contro le mafie.

Sarà presente il Sindaco di Cinisi Avv. Giangiacomo Palazzolo per i saluti iniziali.

Coordina l’incontro il giornalista Toni Mira.

L’iniziativa nasce per approfondire la riflessione sui beni confiscati alla mafia a partire dal valore storico avuto dalla legge 646/1982, detta “Rognoni-La Torre”, che introdusse nel codice penale il reato di “associazione di tipo mafioso” e le misure patrimoniali applicabili all’accumulazione illecita di capitali, e dalla successiva legge 109/96 per l’uso sociale dei beni confiscati alle mafie. Riscontriamo delle problematiche nell’applicazione di queste importantissime leggi e nella gestione dei beni confiscati. Oggi riteniamo sempre più urgente far crescere il valore etico e culturale del riutilizzo, come segnale simbolico e concreto della lotta alle mafie, per una società fondata su valori democratici.

Il luogo scelto per questo incontro è Casa Felicia, bene confiscato al patrimonio di Gaetano Badalamenti (che fu capo di Cosa Nostra e mandante dell’omicidio di Peppino Impastato), in questi mesi al centro di una disputa tra Leonardo Badalamenti, figlio di Don Tano e il Comune di Cinisi. Con l’impegno affinché Casa Felicia resti alla collettività.

https://www.casamemoria.it/tutti-a-casa-felicia-per-difendere-il-valore-etico-e-culturale-del-riutilizzo-dei-beni-confiscati-alle-mafie-con-libera-e-casa-memoria-impastato/