Filctem, vertenza AeG Riscossioni dei letturisti contatori del gas, accolte le richieste del sindacato

“Part time da 3 a 6 ore, niente più monopattino, un premio di produzione, provvedimenti disciplinari annullati”.   

Palermo – Part-time che passa da 3 ore e mezzo a 6 ore, un premio di produzione, automezzi aziendali per effettuare le letture dei contatori del gas nei comuni del palermitano.  Ma, soprattutto, tramonta definitivamente l’idea dell’uso del monopattino per effettuare il servizio e vengono annullati i provvedimenti disciplinari emessi nei confronti dei lavoratori.

   Si conclude positivamente, con l’accoglimento delle richieste avanzate, la vertenza dei lavoratori della AeG Riscossioni, azienda che nei mesi scorsi è subentrata nell’appalto per la lettura dei contatori del gas per conto di Amg Energia.

   A darne notizia è la Filctem Cgil Palermo che lo scorso 16 giugno aveva organizzato un sit-in con i lavoratori, davanti ai cancelli della stazione appaltante, in via Tiro a Segno, per protestare contro le inadempienze e l’atteggiamento mantenuto sin dal primo giorno dall’azienda di Lucca nei confronti dei lavoratori, costretti a condizioni di lavoro difficoltose e bersagliati da una sfilza di contestazioni, addebiti e provvedimenti disciplinari.  

   “Dopo aver informato di tutto questo la stazione appaltante, e aver presentato una denuncia all’Ispettorato del Lavoro, siamo riusciti ad avere delle interlocuzioni con l’azienda – dichiara Calogero Guzzetta, segretario generale Filctem Cgil Palermo – L’accordo raggiunto ha stabilito che i sei lavoratori passano da un part time di 3 ore e mezzo a 6 ore di lavoro, ovvero 30 ore settimanali, con un meccanismo di flessibilità per gestire le letture, secondo criteri logici e non imposti. Avranno un premio di produzione sulla base delle letture effettuate e la fornitura di un automezzo per le letture da fare fuori città, nei comuni di Grisì, Montelepre e Camporeale. Scompaiono i monopattini e vengono annullate tutte le sanzioni disciplinari comminate ai lavoratori, in totale una quindicina”.

Un risultato valutato positivamente dalla Filctem, che aveva chiesto anche la revoca dell’appalto.

   “Esprimiamo soddisfazione per la conclusione di questa vertenza che premia l’impegno forte del sindacato e i lavoratori, che hanno seguito sempre compatti le indicazioni date dalla Filctem per ottenere questa svolta  – aggiunge Guzzetta – Con questo accordo, che ha ancora più valore perché arriva in piena estate. in un momento di ferie, si è restituita serenità professionale e dignità ai lavoratori, che hanno combattuto per la rimozione di questi ostacoli e per avere riconosciuti i loro diritti”.