Commissione e la Banca europea sbloccano fino a 10 miliardi di € per sostenere gli investimenti pubblici

La Commissione e la Banca europea per gli investimenti sbloccano fino a 10 miliardi di € per sostenere gli investimenti pubblici nei territori in transizione verso un’economia climaticamente neutra

La Commissione e la Banca europea per gli investimenti (BEI) hanno firmato un accordo sullo strumento di prestito per il settore pubblico, che costituisce il terzo pilastro del meccanismo per una transizione giusta. L’accordo permetterà agli enti del settore pubblico nei territori e nelle regioni dell’UE che hanno più bisogno di sostegno nella transizione a un’economia climaticamente neutra di beneficiare di 1,5 miliardi di € di sovvenzioni della Commissione e di 10 miliardi di € di prestiti della Banca europea per gli investimenti.

Elisa Ferreira, Commissaria per la Coesione e le riforme, ha dichiarato: “Il Green Deal europeo è la nostra strategia per realizzare un’economia climaticamente neutra e la politica di coesione aiuterà a conseguire gli obiettivi verdi in modo equo. Grazie a questo accordo con la Banca europea per gli investimenti, lo strumento di prestito per il settore pubblico offrirà alle autorità pubbliche delle regioni e dei territori che hanno più bisogno di sostegno condizioni di prestito preferenziali per i progetti che non generano entrate sufficienti per essere finanziariamente sostenibili. La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti continueranno a collaborare per sostenere una transizione equa che non lasci indietro nessuno.”

L’accordo dovrebbe mobilitare tra i 18 e i 20 miliardi di € di investimenti nei prossimi sette anni e fa seguito alla pubblicazione dell’invito a presentare proposte della Commissione del valore di 1,5 miliardi di € in sovvenzioni dell’UE. Lo strumento di prestito per il settore pubblico è uno dei tre pilastri del meccanismo per una transizione giusta, che fa parte del Green Deal europeo allo scopo di conseguire la neutralità climatica dell’UE entro il 2050.

Per essere ammissibili, i progetti devono essere ubicati in territori che gli Stati membri hanno individuato nei loro piani territoriali per una transizione giusta, o andare a beneficio di tali territori, in quanto detti territori devono affrontare le sfide maggiori nell’abbandonare i combustibili fossili e le industrie ad alta intensità di carbonio.

Gli enti del settore pubblico nelle regioni interessate dalla transizione giusta sono invitati a consultare la documentazione pertinente e a presentare le loro proposte sul portale Finanziamenti e appalti della Commissione. I potenziali beneficiari possono anche chiedere l’assistenza del polo di consulenza InvestEU.