Rsu in-formazione, il 9 e il 12 la due giorni della Flc Cgil Palermo

“per fornire a rappresentanti e delegati della Scuola gli strumenti per interpretare i bisogni dei lavoratori e difendere ai tavoli tutele e diritti”

Palermo – “Rsu…chi ben comincia…”. Imparare a comunicare da Rsu, a gestire relazioni sindacali e strategie ai tavoli, per affermare tutele e diritti.  La Flc Cgil Palermo, in vista dell’apertura delle scuole, organizza due giornate formazione rivolte ai suoi delegati sindacali eletti alle elezioni delle rappresentanze unitarie dei lavoratori del 5,6,7 aprile scorso, tra i quali tante new entry nel mondo delle Rsu della Scuola, che per il prossimo triennio avranno il compito di gestire la contrattazione e di svolgere un ruolo da protagonisti, per il miglioramento delle condizioni dei lavoratori e dei servizi per i cittadini.

  Alle due giornate di “Rsu In-formazione”, che si terranno venerdì 9 e lunedì 12, con orario dalle 9 alle 18, presso il salone della Cgil Sicilia, in via Bernabei, 22, parteciperanno 180 delegati, tra docenti e personale Ata delle scuole di Palermo e provincia.

    Il primo turno è rivolto a rsu elette e delegati designati che per la prima volta, nel proprio posto di lavoro, prenderanno parte ai tavoli negoziali. Il secondo turno è il livello avanzato, per rsu e delegati che sono già al secondo o al terzo mandato.

   Le due giornate saranno aperte dal segretario generale Flc Cgil Palermo Fabio Cirino. Introduzione a cura della segretaria provinciale Flc Cgil Daniela Vancheri. Interverranno ai lavori il segretario generale Flc Cgil Sicilia Adriano Rizza e il segretario d’organizzazione  Cgil Palermo Francesco Piastra.

“E’ un appuntamento annuale, una giornata di formazione e confronto che ogni anno la segreteria provinciale Flc Cgil organizza per l’avvio dell’anno scolastico. Quest’anno – dichiara il segretario generale Flc Cgil Palermo Fabio Cirino – oltre alle consuete questioni tecniche e ai temi specifici della categoria, riteniamo opportuno soffermarci a riflettere insieme sulla delicata fase politico sociale che sta attraversando il nostro paese, alla vigilia delle prossime elezioni politiche e regionali del 25 settembre”.

  “Lavoro, ambiente, equità sociale, carovita insopportabile legato alla crisi energetica e a una guerra che sembra non avere mai fine. Sono tutte questioni – aggiunge Cirino – che desideriamo affrontare, perché riguardano tutti i cittadini in generale, prima dei problemi specifici di ogni singolo settore e di ogni singolo lavoratore. E’ importante far vivere questi temi nell’agenda politico sindacale della nostra organizzazione affinché diventino priorità per tutta la classe politica del nostro paese”.