Studio sulle saline del Mediterraneo, a Marsala i risultati del progetto

interessati dallo studio gli impianti artigianali di libano, tunisia, spagna e italia
venerdì, ore 9,30, l’apertura dei lavori al mulino “Ettore e Infersa”



Marsala (Tp) – Tappa finale del progetto europeo “mediterraneanartisanal salinas”, nell’ambito del programma “eni cbcmed” finanziato dall’unione europa, dalle ore 9,30, presso il mulino “Ettore e Infersa” di Marsala. Il convegno, che prende il titolo proprio dal progetto, si aprirà con l’intervento della coordinatrice Tiziana Campisi e di Francesca Etzi che presenterà le 4 azioni pilota messe in campo nei 4 Paesi partner: Italia, Libano, Tunisia e Spagna. Nelle saline “Ettore e Infersa”, unico sito italiano, insieme a Cervia, dove si è intervenuto, è stata prevista un’azione pilota i cui risultati saranno illustrati da Antonio D’Alì Staiti. Il progetto “MedArtSal”, attraverso l’analisi delle saline di Libano, Tunisia, Spagna e Italia, ha consentito di studiare modelli di gestione per dare la possibilità alle saline artigianali di rimanere competitive sul mercato, diversificando i propri prodotti. Ai lavori interverrà il Presidente della “Sosalt Spa” Giacomo D’Alì Staiti che parlerà invece del “Processo di produzione del sale marino e certificazione di qualità del sale”. I lavori da metà mattinata e sino al pomeriggio saranno dedicati al workshop su “La diversificazione dell’uso del sale, tra gastronomia e turismo”, con gli interventi dello chef Peppe Giuffrè (Il sale marino e il suo uso gastronomico), Vincenzo Tiana, Presidente dell’associazione “Parco Molentargius” (Sulla strada del sale come prodotto bio), Ciro Zeno, Presidente associazione “Plus Salis” (Produzione di sale marino: attività agricola o industriale?), Giovanni Sistu, Università di Cagliari (Sale marino e sale di miniera: una prospettiva scientifica), Antonio D’Alì Staiti (Saliturismo: un nuovo approccio all’ecoturismo e benessere), Claudio Dario del Centro studi Lorenzon dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Treviso (Sale e salute. Un binomio troppo spesso demonizzato), Alejandro Perez dell’Università di Cadiz (Saline di mare: un santuario per il birdwatching), Girolamo Culmone, consigliere della Società italiana di geologia ambientale (Caratteristiche naturalistiche delle saline).