“Diapositive” di Patrizia Lovallo. Casa Editrice Kimerik

Una volta Marilyn Monroe disse: «C’è un momento che devi decidere: o sei la principessa che aspetta di essere salvata o sei la guerriera che si salva da sé” Io credo di aver già scelto Mi sono salvata da sola». Nonostante siano passati ormai quasi sessant’anni dalla dipartita della famosissima attrice, cantante e modella statunitense, anche oggi una donna deve quotidianamente lottare per dimostrare (a chi, poi?) il proprio valore, per esporre la propria opinione, spesso “ purtroppo “ per sopravvivere. Patrizia Lova, in questa raccolta di poesie e aforismi, si rivolge a tutte le donne vere, a tutte coloro che non si fanno scrupoli a dire ciò che pensano, che si amano per quello che sono, che si rispettano e pretendono rispetto, che vivono la propria vita come meglio credono. Diapositive se da una parte è un inno alla donna, dall’altra è un’ode all’amore per se stessi. Accettarsi per ciò che si è e cercare di comprendersi, nel bene e nel male, infatti, sono aspetti fondamentali, necessari per rinforzare la propria salute mentale. Perché, se non ci si prende prima cura di se stessi, come si può cercare di prendersi cura degli altri?

Patrizia Lovallo in arte “Lova” per un errore di registrazione sul web, nata a Milano il 14 marzo 1971, è cresciuta nella città di Potenza, poi si è trasferita vicino Salerno, dove ha iniziato a mettere nero su bianco emozioni di vita, di dolore, di amori.