La passeggiata naturalistica della vallata Santa Domenica versa in un inaccettabile stato di degrado

Firrincieli (cinque stelle): “raccolta la denuncia di un cittadino che ha accompagnato in questi posti due amici milanesi e che si e’ scusato per la presenza di spazzatura ed erbacce”

Ragusa –  “Ho raccolto, e non poteva essere altrimenti, la denuncia segnalazione di un cittadino sullo stato di degrado in cui versa la passeggiata naturalistica della vallata Santa Domenica con ingresso da via Natalelli. Una questione che merita di essere posta in rilievo per la gravità della situazione”.

E’ quanto chiarisce Sergio Firrincieli, capogruppo del Movimento Cinque Stelle al Consiglio comunale di Ragusa. “In pratica, il cittadino in questione, sabato scorso – prosegue Firrincieli – decide di portare due suoi amici milanesi in giro per la città con l’intenzione di mostrare loro le bellezze del territorio. Sceglie così di percorrere la suddetta passeggiata. Orgoglio ed entusiasmo iniziali, però, sono delusi immediatamente dallo stato di degrado che caratterizza tutto il percorso. Spazzatura ed erbacce hanno completamente distolto l’attenzione da tutto il resto. Il cittadino spiega di avere provato un così forte imbarazzo al punto tale da sentirsi in dovere di scusarsi con i suoi ospiti”.

“Quando all’inizio del nostro mandato – continua Firrincieli – abbiamo, io e i colleghi consiglieri Alessandro Antoci e Giovanni Gurrieri, effettuato un sopralluogo nel sito in questione, avanzammo una proposta specifica tesa alla riqualificazione e al riutilizzo di questo polmone verde, di questa immensa area per le famiglie. Poi, alla luce delle nostre sollecitazioni, abbiamo comunque preso atto che l’amministrazione comunale si era mossa lungo quella direzione. Almeno a voce. Al solito, molti proclami che si sono fermati alla locandina di cui tutti sappiamo. In realtà, quindi, né riqualificazione, né riutilizzazione. Come testimoniano gli ultimi fatti. Ecco perché cogliamo l’occasione della denuncia di questo avveduto cittadino, per sollecitare interventi rapidi di recupero e ripristino del decoro dell’intera passeggiata naturalistica. Quello che abbiamo visto è assolutamente inaccettabile”.