Proteste dei no green pass a Roma e Milano solidarieta’ del Sinalp

Al Governo Nazionale alle Forze dell’Ordine ai colleghi della Cgil

Palermo – L’epilogo che nessuno avrebbe voluto, è arrivato.

Abbiamo assistito all’assalto al Centro del Potere Politico ed Amministrativo dell’Italia.

Assalto promosso da quei cittadini che non accettano l’imposizione del Green Pass come documento obbligatorio per poter lavorare e poter vivere una normale vita sociale.

L’attacco violento va sempre condannato, l’assalto al cuore della nostra democrazia va sempre condannato, l’assalto alla sede della Cgil è da condannare ed il Sinalp e tutti i suoi iscritti, esprimono la piena solidarietà ai colleghi della Cgil per quanto hanno subito e siamo certi che la polizia saprà isolare e condannare i violenti che hanno incitato all’odio chi era sceso in piazza per protestare contro uno strumento ideato male, proposto peggio ed imposto senza alcuna certezza.

Ci auguriamo che quanto è successo oggi sia almeno da lezione e stimolo per il Governo a risolvere le notevoli contraddizioni che sono emerse e che emergeranno ancor di più dal 15 ottobre, nella gestione del green pass.

Contraddizioni che hanno creato e fatto crescere il popolo dei no vax e dei no green pass.

Se oggi assistiamo a questa grande protesta di piazza, che non potrà e non dovrà essere derubricata come una semplice scampagnata di gruppuscoli di incapaci, bisogna avere il coraggio di ammettere che la colpa va data per intero ad una gestione nazionale dell’emergenza carente, non professionale e raffazzonata.

Questa incertezza ed incapacità ha generato negli italiani notevoli dubbi sulla reale necessità e validità del vaccino e sulla obbligatorietà di fatto, del green pass se si vuol vivere una parvenza di vita normale.

L’overdose di “virologhi TV” che ogni sera spaziavano su tutto lo scibile umano emettendo “sentenze” contraddittorie ed in antitesi con quelle espresse il giorno dopo, hanno instillato nella gente incertezza e la sensazione, certamente errata, che questo Governo vuole imporre una dittatura sanitaria.

Ultima ciliegina che ha spinto alla ribellione il popolo dei no green pass l’abbiamo avuta quando è stato chiaro che il sistema Green Pass all’italiana non è stato adottato da nessuna Nazione dell’Unione Europea, e da quì nasce la domanda: perchè?

Il Sinalp fin dalla prima ora è sempre stato per il rispetto delle regole imposte dal Governo Nazionale e per la vaccinazione più capillare ed ampia possibile; ma questo obiettivo si doveva raggiungere con una linea di intervento di contrasto alla pandemia chiara ed univoca, senza generare confusione e paure infondate nella popolazione.

Questo agire avrebbe raggiunto l’obiettivo della vaccinazione capillare senza scatenare la ribellione della piazza che è sempre figlia di incapacità di chi ci governa e di quelle forze politiche che non hanno saputo percepire ed intercettare il grande disagio che serpeggia tra la popolazione.