Oltre 2400 persone controllate, solo in sette giorni. Stazioni più sicure con la presenza capillare della Polfer

Agrigento – Il loro, è un lavoro certosino in cui ogni particolare è utile per ricostruire l’accaduto. Una presenza capillare ma discreta quella degli agenti della Polizia ferroviaria che grazie al loro impegno, n otte e giorno, ci garantiscono una sicurezza indispensabile per i nostri spostamenti.

3 indagati, 2.444 persone controllate, 32 treni presenziati, 61 veicoli ispezionati e 315 pattuglie impegnate nei servizi di vigilanza in stazione, a bordo treno e lungo la linea ferroviaria e 1 minore rintracciato.

Questo il bilancio delle principali attività di controllo nella settimana dal 15 al 21 novembre scorso dalla Polizia di Stato in tutta la Sicilia. Non male se consideriamo che questi risultati sono stati acquisiti in appena sette giorni di attività.

In particolar modo ad Agrigento, gli agenti della Polfer, durante l’espletamento dei servizi di vigilanza all’interno dell’impianto ferroviario, hanno rintracciato un 17 enne del Bangladesh che era intenzionato a lasciare la città con il primo treno diretto a Palermo. Lo stesso, dopo le formalità di rito, è stato affidato ad una cooperativa sociale per minori della provincia.

Per ultimo, durante la trascorsa settimana, i poliziotti della Specialità sono stati impegnati su piu fronti in tutta l’isola per prestare supporto ai viaggiatori che, a causa delle avverse condizioni meteo, hanno subito forti disagi per raggiungere le proprie destinazioni. Per questo lavoro. Non facile, va tutto il nostro ringraziamento agli uomini ed alle donne in divisa che ci permettono spostamenti in tutta sicurezza sia nell’area della Stazione sia sul treno.

Aurora Pennisi