Unione Europea e le quote per la pesca. Nino Carlino: “Una buona notizia che apre prospettive nuove”

Alla luce della recente notizia dell’accordo dei ministri Ue sull’applicazione di un sistema TAC e Quote per la pesca in Mediterraneo occidentale dei gamberi rossi e dei gamberi viola, il Distretto della Pesca e Crescita Blu esprime un giudizio sostanzialmente positivo. Le marinerie siciliane rappresentano una delle più importanti realtà produttive del settore ittico italiano sia per numero di occupati, sia per numero di imprese e per i livelli produttivi da esse realizzati. «Questa è una buona notizia che apre prospettive nuove ed importanti per le nostre imprese che pescano principalmente queste specie»,afferma Nino Carlino, presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu.

«Ringrazio Toni Scilla, assessore all’Agricoltura, allo Sviluppo Rurale e alla Pesca Mediterranea della Regione Siciliana e il sottosegretario al Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali Francesco Battistoni per il lavoro svolto che ha anche limitato l’entità del danno delle riduzioni di giornate operative nel Tirreno proposte dalla Commissione. L’Assessore Scilla, insieme ai rappresentanti della Commissione consultiva regionale della pesca hanno aperto in questi anni un dialogo di confronto costruttivo sulla tutela e sulle problematiche della pesca nel territorio della Regione Siciliana. Il Governo Musumeci ha sempre considerato la pesca un settore economico portante e strategico per le politiche di sviluppo nel Mediterraneo» così conclude Nino Carlino.