VI Congresso Femca Cisl Messina, Francesco Donato è il nuovo segretario generale

«Comparto strategico, dalla Raffineria alle industrie passa il futuro del comprensorio e della provincia»

Milazzo (Me) – Il futuro della Raffineria e di tutto il comparto dell’energia è stato al centro dei lavori del VI Congresso territoriale della Femca Cisl Messina, la Federazione della Cisl che riunisce i lavoratori dell’energia, della chimica e della chimica, che si è tenuto a Milazzo alla presenza del segretario nazionale della Femca Cisl Maurizio Scandurra, del segretario regionale della Femca Cisl Franco Parisi e del segretario generale della Cisl Messina Antonino Alibrandi.

A dare avvio ai lavori è stata la relazione di Stefano Trimboli, segretario uscente per raggiunto numero di mandati. «Oggi è il giorno dei ringraziamenti – ha detto – a tutti voi, alla Cisl, alla mia famiglia. Lasciamo ad un gruppo di giovani una federazione pronta ad affrontare la vertenza più importante, quella determinante per il futuro del comprensorio. La Conferenza nazionale dei servizi ha introdotto dei limiti che la Raffineria di Milazzo non può tecnicamente rispettare e questo comporterebbe la fermata degli impianti con una ricaduta occupazionale e sociale devastante. Serve unità di intenti tra tutti i sindacati, ma anche tra politica ed istituzioni. Perché la situazione rischia di diventare esplosiva tra qualche giorno».

I delegati al Congresso hanno eletto come nuovo segretario generale della Femca Cisl Messina Francesco Donato. «Sicuramente mi aspetta un battesimo di fuoco – ha affermato -. Prendo la consegna da Stefano Trimboli con l’obiettivo di dare continuità a tutto il lavoro fatto sinora. La vertenza della Raffineria è una grandissima sfida che speriamo di vincere tutti insieme, dobbiamo affrontarla con unità perché può avere ripercussioni su tutto il comprensorio».

«È un gruppo dirigente nuovo, un ricambio generazionale necessario – ha sostenuto, invece, Franco Parisi – C’è in atto una fase di grande cambiamento nel settore, quello legato alla transizione energetica. La Raffineria va oltre il territorio di Milazzo, bisogna gestire il momento in maniera oculata per farla diventare una industria compatibile con le nuove tecnologie».

«È un cambio – ha concluso il segretario generale della Cisl Messina, Antonino Alibrandi – che dà continuità a ciò che è stato fatto. La Femca dovrà affrontare vertenze importanti legate alle misure urgenti del Pnrr e alla ricoversione ambientale. C’è la Raffineria, ma anche la A2a e tante altre aziende. Su questo, come Cisl e come Femca, puntiamo per il prossimo futuro».