Salvatore Sardisco plaude al servizio della Polizia Penitenziaria

Monreale (PA) – «Archiviato il 2021, le attese, le speranze e i progetti culturali in ogni settore istituzionale riprendono a piazzarsi per far sentire il cittadino parte integrante di un iter formativo che va oltre ogni paura di pandemia e di scoraggiamento. Salvatore Sardisco, vice sovrintendente della Polizia Penitenziaria e coordinatore Nazionale del sindacato FSI-USAE proprio per il settore Polizia Penitenziaria ha pensato di indirizzare un messaggio a tutti i componenti di questo corpo raggiungendo ciascuno ovunque si trovasse a espletare il suo servizio.

“La cultura del Bene Comune e il rispetto dei valori Costituzionali passano sempre da un impegno che va oltre ogni aspettativa.

La Polizia Penitenziaria da sempre pone al centro del suo essere quel servizio di tutela dei principi che rendono particolarmente unica la nostra carta costituzionale sapendo di trovarsi, all’interno delle case circondariali, degli uomini e delle donne che attendono un’alba nuova. Spesso Papa Francesco – sottolinea Salvatore Sardisco – e con lui tanti esponenti del Governo, hanno posto interrogativi sul mondo carcerario proponendo strategie educative e soluzioni particolari per rendere diversa la vita di chi è chiamato a rivedere la sua storia spesso ferita e priva di “non senso”.

A tutti vanno gli auguri di un 2022 ricco di speranza e propositi significativi, li porgo come componente del corpo della Polizia Penitenziaria e come coordinatore nazionale del sindacato FSI-USAE proprio per il settore Polizia Penitenziaria.

Al di là delle sigle abbiamo tutti bisogno di sostare e ricompaginare le forze per affrontare un nuovo anno che già si snoda dinnanzi a voi e non risparmia paure causa pandemia.

Rimaniamo saldi nel testimoniare i principi del bene comune e del servizio affinché il nostro agire porti frutti abbondanti di riscatto, tutela del cittadino e anche chi vive parte della sua storia nelle case circondariali non si senta abbandonato.

Agli uomini e alle donne della Polizia Penitenziaria un augurio di un proficuo 2022 che sia ricco di soluzioni secondo quanto sta nel cuore di ciascuno”.

Un messaggio questo apprezzato da più parti specie da tanti amici e colleghi di Salvatore  Sardisco che ben conoscono lo zelo e l’impegno del collega proprio a partire da quei valori che rendono grande un “Uomo”». 

Giuseppe Longo