La bellezza del Parlamento della Legalità Internazionale nel cuore dei giovani

Monreale (PA) – La bellezza del Parlamento della Legalità Internazionale nel cuore dei giovani.

«Il Parlamento della Legalità Internazionale è un movimento culturale interconfessionale, apartitico, di matrice cristiana. Nato dopo le stragi del ‘92, si è prefissato un solo obiettivo: educare i giovani ad essere artefici e protagonisti della loro storia, conoscendo il proprio talento naturale al fine di metterlo a servizio del bene comune per una cultura che richiami la bellezza dei valori della vita e il rispetto dei principi della Costituzione Italiana. Promotori e fondatori Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco (rispettivamente presidente e vice presidente). Affinché ciò trovasse attuazione sono state istituite delle Ambasciate (veri presidi culturali) che richiamano proprio i valori di cui ogni essere umano deve esserne Ambasciatore.

Questi punti culturali sono oggi presenti nelle forze armate, principalmente nelle scuole, nelle comunità ecclesiali e ospedalieri, sia in Italia come pure in altre nazioni come Cairo, America e recentemente in Costa d’Avorio. Primo presidente onorario è stato il Giudice coordinatore del Pool Antimafia Antonino Caponnetto lo stesso che ha voluto al suo fianco per debellare la realtà della mafia sia Giovanni Falcone che Paolo Borsellino. Il Parlamento della Legalità Internazionale ha due “gioielli preziosi” che amiamo definire colonne portanti della costituzione del movimento: “10 Schede autografe del Giudice Paolo Borsellino richiamanti un incontro culturale vissuto insieme il 18 marzo del 1989 sul tema “Una coscienza più forte per una scuola più unita oltre il fenomeno mafioso”, e una lettera di San Giovanni Paolo II che “esorta a proseguire con fermezza nell’impegno per la rinascita di questa terra”. Mons. Carmelo Ferraro, Arcivescovo Emerito della Diocesi di Agrigento, lo stesso che invitò Giovanni Paolo II nella Valle dei Templi, momento culminante della visita il grido contro la mafia definito da tutti “L’Anatema contro cosa Nostra” del Papa, alla domanda del giornalista RAI che chiedeva se quel grido del Sommo Pontefice avesse portato frutto ebbe a dire “Sì, la nascita del Parlamento della Legalità Internazionale”. 

Oggi vi è un organigramma pubblicato sul sito (www.parlamentodellalegalita.it) che vede agire insieme in armonia e con lo spirito di servizio verso la collettività e principalmente verso i giovani, uomini del Vaticano, delle Istituzioni Governative, Esponenti delle forze dell’Ordine, del mondo scuola e del volontariato. La sede di presidenza è a Monreale (via Venero n. 30), inaugurata dal Generale di Corpo d’Armata Domenico Rossi in veste di Sottosegretario al Ministero della Difesa, mentre in diverse regioni del Paese coordina l’azione cultural educativa il Coordinatore Regionale che puntualmente presenza alle diverse “anime” del territorio il Progetto Formativo Culturale dell’Anno. L’Anno Accademico si apre sempre la prima settimana del mese di Settembre con un Convegno Internazionale (che da due anni gode del Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri con utilizzo del Logo) e si chiude a Maggio con il “Festival della Legalità e della Gioia”, raduno nazionale di Studenti che presentano le diverse iniziative culturali maturate nella loro realtà cittadina. Puntualmente ogni anno viene stilato un libro che richiama l’entusiasmo, l’amore alla vita e ai valori che essa custodisce, da parte di giovani e non solo da tutta Italia».

Giuseppe Longo