La sottosegretaria Barbara Floridia sara’ venerdi’ al liceo Fermi per “la transizione ecologica e culturale” 

Ragusa –  “Dopo che sono stati assegnati al liceo scientifico Enrico Fermi fondi pari a 19.249 euro nell’ambito di un progetto riguardante la transizione ecologica a cui avevamo proposto di aderire e che, adesso, è stato esitato favorevolmente dal ministero della Pubblica istruzione, ora ci siamo mossi per fare in modo che a un convegno di approfondimento sull’importante argomento sia presente la senatrice Barbara Floridia, sottosegretaria di Stato del ministero della Pubblica istruzione”. E’ quanto afferma il capogruppo del Movimento Cinque Stelle Ragusa, Sergio Firrincieli, precisando di intervenire, in proposito, anche nella sua qualità di componente del consiglio d’istituto, facendo riferimento all’appuntamento che si terrà venerdì nell’auditorium del liceo Fermi a partire dalle 10,30 sul tema “La transizione ecologica e culturale – Un percorso civico verso un nuovo modello di società”.

Ad aprire i lavori Stefano Suraniti, direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia, Viviana Assenza, dirigente dell’Ambito territoriale IX di Ragusa, e Ornella Campo, dirigente scolastico del Fermi. Dopo i saluti delle autorità, il prefetto Giuseppe Ranieri, il sindaco Giuseppe Cassì, il questore, Pinuccia Albertina Agnello, il commissario straordinario del Libero consorzio, Salvatore Piazza, il comandante provinciale dei carabinieri, Gabriele Gainelli, e il comandante provinciale delle Fiamme gialle, Giorgio Salerno, il sottosegretario Floridia presenterà il piano per la transizione ecologica e culturale nelle scuole. 

Sergio Firrincieli

“E’ una fase assai significativa – chiarisce Firrincieli – che ci consentirà di rapportarci in maniera diretta con il Governo nazionale su un ambito che sentiamo molto vicino, quello della transizione ecologica”. La giornata, tra l’altro, sarà caratterizzata da una serie di momenti: la rigenerazione e musica con l’esibizione di due studenti, Stefano Battaglia e Alessio Barone, musicisti; la rigenerazione didattica con gli studenti che presenteranno esperienze significative avviate sui temi della transizione ecologica e culturale; un dibattito su “Rifiuto o risorsa? Economia circolare e life cycle thinking” con la presentazione del progetto e della rete dei partner attraverso gli interventi dei rappresentanti dell’Ato e della Srr Ragusa oltre che di Marco Daparo, l’energy manager libero professionista da cui ha preso le mosse il progetto finanziato. La stessa giornata, poi, si concluderà con la consegna della borsa di studio “Rita Di Maggio” a Enrico Antolino e Martina Tummino rispettivamente per le stagioni scolastiche 2019-2020 e 2020-2021. “Grande attenzione – ribadisce Firrincieli – abbiamo ricevuto dalla dirigente scolastica del Fermi, Ornella Campo, dal docente Rosario Distefano e da Marco Daparo che ha competenze specifiche sul fronte del riciclo ambientale e che ha messo le stesse competenze a disposizione per raggiungere il traguardo prefissato. Un lavoro di squadra che, per quanto riguarda il Fermi, ha sortito gli effetti sperati visto e considerato che è arrivato il beneplacito del ministero dopo, anche, la comunicazione da parte della sottosegretaria Barbara Floridia, esponente dei Cinque Stelle. Ora questo incontro di venerdì che assume una valenza di estremo rilievo per il Fermi di Ragusa”.