Vita ecclesiale, Cammino sinodale e Informazione. Prenotazioni aperte da dieci giorni prima di ogni appuntamento

La Voce dell’Jonio di Acireale, la Diocesi acese, con l’Ufficio per le Comunicazioni sociali, l’Equipe per il Cammino sinodale, la Delegazione siciliana della Fisc (l’associazione che raccoglie i giornali diocesani), il Csve (Centro servizi per il volontariato etneo) e l’associazione di volontariato Orazio Vecchio organizzano un evento formativo per i giornalisti sul tema Vita ecclesiale, Cammino sinodale e Informazione, che si terrà in tre diverse giornate, ciascuna con un sotto-tema diverso.

La prima giornata, sul sotto-tema “Prendere la parola nella Chiesa”, si svolgerà sabato 26 marzo 2022 dalle 9 alle 13; la seconda giornata, sul sotto-tema “Prendere la parola nella società”, si terrà sabato 2 aprile 2022 dalle 9 alle 13; la terza giornata, sul sotto-tema “Prendere la parola per gli ultimi”, è prevista per sabato 9 aprile 2022 dalle 9 alle 13.

Le tre giornate di lavoro si svolgeranno nella chiesa parrocchiale dei santi Cosma e Damiano di Acireale, sulla via Provinciale per Santa Maria Ammalati 143, che ha una capienza di oltre 300 (trecento) posti a sedere, senza le restrizioni previste dalle norme sulla sicurezza sanitaria, e oltre 90 (novanta) con le restrizioni. La chiesa è dotata dei più moderni mezzi tecnologici (schermo gigante, impianti di ripresa, registrazione e diffusione). L’evento è già sulla piattaforma della formazione professionale dei giornalisti, sulla quale ci si può prenotare da dieci giorni prima di ogni appuntamento.

Con questo evento formativo ci si propone di illustrare ai giornalisti la vita della Chiesa, italiana e particolare (cioè del territorio), soprattutto presentando il Cammino sinodale, nel quale è impegnata la Chiesa cattolica ad ogni livello e si concluderà nel 2025 con il Giubileo, quando si comincerà ad applicare e a vivere, nelle singole comunità, quanto scaturito dai 5 anni di Cammino.

Il Cammino sinodale prevede tre macro-tappe: la prima, che è già cominciata, durerà due anni ed è quella «dal basso». Avrà al centro le diocesi e le parrocchie; si caratterizza per ascolto di “ciò che lo Spirito dice alle Chiese” attraverso la consultazione del popolo di Dio. Sullo sfondo le domande sollevate dalla pandemia. 
La seconda tappa, che viene definita «sapienziale», vedrà impegnati soprattutto i vescovi, gli operatori pastorali, le Conferenze episcopali regionali, ma anche le facoltà e gli istituti teologici, l’Università Cattolica e la Lumsa, le realtà culturali presenti nel Paese. Si tratterà di leggere e analizzare quanto scaturito nel biennio precedente e integrarlo con gli spunti usciti dal Sinodo dei vescovi.

La terza e ultima tappa ha come orizzonte il Giubileo del 2025, quando potrebbe tenersi una grande assemblea nazionale che sarà chiamata a presentare «alcune scelte coraggiose, profetiche, per un annuncio più snello, cioè libero, evangelico e umile, come chiesto ripetutamente da papa Francesco». Una volta conclusa l’assemblea nazionale del 2025, il testo finale giungerà nelle diocesi. E così prenderà il via l’attuazione del percorso sinodale nelle Chiese locali che saranno chiamate a recepire i frutti di cinque anni di cammino condiviso.

Chiesa parrocchiale dei Santi Cosma e Damiano Via Provinciale per Santa Maria Ammalati 143, Acireale

Vita ecclesiale, Cammino sinodale e Informazione

Prima giornata – sabato 26 marzo 2022 – ore 9/13

                                                      Prendere la parola nella Chiesa

Mons. Giovanni Mammino, vicario generale della Diocesi di Acireale: presentazione

Don Vittorio Rocca, referente della Diocesi di Acireale per il Cammino sinodale: introduzione

Mario Agostino, giornalista, direttore dell’Ufficio Cultura della Diocesi di Acireale: moderazione

Mauro Ungaro, giornalista, presidente nazionale Fisc – I giornali diocesani e il Cammino sinodale

Interventi

Don Arturo Grasso, giornalista, direttore Ufficio comunicazioni sociali della Diocesi di Acireale – L’evangelizzazione attraverso l’informazione

Don Orazio Barbarino, parroco – Tornare all’educazione della mente e del cuore

Teresa Scaravilli, ex assistente sociale, editorialista – La Parola di Dio nella quotidianità della vita

Letizia Franzone, teologa – Il ruolo missionario dell’informazione

Barbara Condorelli, docente, responsabile regionale Irc (Insegnamento religione cattolica) – Cosa chiedono i giovani alla Chiesa e alla società

Don Salvatore Cassaniti, parroco – Innovare la comunicazione religiosa

Seconda giornata – sabato 2 aprile 2022 – ore 9/13

Prendere la parola nella Società

Don Vittorio Rocca, referente della Diocesi di Acireale per il Cammino sinodale: introduzione

Mario Agostino, giornalista, direttore dell’Ufficio Cultura della Diocesi di Acireale – moderazione

Interventi

Rita Messina, docente, giornalista – Formazione quotidiana a partire dalla scuola

Giovanni Lo Faro, ex dirigente scolastico, giornalista   – Lo sport presidio di formazione umana

Giuseppe Vecchio, giornalista, direttore de “La Voce dell’Jonio” – Il buon giornalismo

Rosario Faraci, docente dell’Università di Catania, giornalista – Sorella economia e buona impresa

Giuseppe Rossi, professore emerito dell’Università di Catania – Dallo sviluppo sostenibile all’ecologia integrale

Orazio Vecchio, giornalista, addetto stampa azienda ospedaliera “Cannizzaro” di Catania – La comunicazione pubblica per il Bene comune                                                  

Terza giornata – sabato 9 aprile 2022 – ore 9/13

Prendere la parola per gli ultimi

Don Vittorio Rocca, referente della Diocesi di Acireale per il Cammino sinodale: introduzione

Mario Agostino, giornalista, direttore dell’Ufficio Cultura della Diocesi di Acireale – moderazione

Interventi

Don Francesco Mazzoli, parroco, cappellano dell’Istituto penitenziario per minorenni di Acireale – Camminare insieme tra le mura delle carceri

Don Orazio Tornabene, direttore della Caritas della Diocesi di Acireale – Ascoltare fragilità e povertà che mi abitano accanto

Fratel Carlo Mangione, Camilliano – Camminare insieme col fratello malato

Orazio Maltese, vicepresidente “Misericordia” Acireale – Ripensare il welfare con equità e giustizia

Salvo Raffa, presidente del Csve (Centro servizi volontariato etneo) – Il volontariato anima della società

Gesuele Sciacca, medico, musicofilo e musicista – La musica come terapia sociale