Antichità fragili. Pompei tra ricerca e conservazione – Conferenze di approfondimento della mostra “Invito a Pompei”

Torino – Antichità fragili. Pompei tra ricerca e conservazione. Conferenze di approfondimento legate alla mostra Invito a Pompei (13 aprile – 20 giugno 2022), ore 16.45.

«Un programma di otto conferenze presenta alcuni dei risultati delle attività che dal 2016 l’Università di Torino e il Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale” svolgono presso il Parco Archeologico di Pompei e i Laboratori del Centro, attraverso un approccio interdisciplinare e una visione integrata in cui ricerca, didattica, analisi scientifiche, conservazione e restauro contribuiscono alla conoscenza e alla salvaguardia del patrimonio nazionale. Il programma coinvolge sedici relatori, tra archeologi, storici, restauratori, biologi, geologi, chimici e fisici, ed è curato da Diego Elia e Valeria Meirano del Dipartimento di Studi Storici dell’Università di Torino.

Il percorso ha avvio dalla narrazione del rovinoso bombardamento di Pompei che tra agosto e settembre del 1943 inferse nuove distruzioni alla città sepolta dalla furia del Vesuvio. Una ulteriore fragilità si aggiunse così alle ferite che, due millenni prima, l’eruzione aveva causato alla natura, agli uomini, alle costruzioni, agli oggetti. Manufatti della vita quotidiana e raffinati prodotti dell’artigianato sono oggi al cuore di progetti di ricerca, innovazione e sperimentazione al servizio della conoscenza, del restauro e della conservazione. Vasellame metallico, statuette legate alla devozione domestica o alla decorazione di lussuosi giardini, ricercati apprestamenti per l’illuminazione degli interni, complesse serrature: attraverso la ricerca si ricostruisce la ‘biografia’ degli oggetti.


Al centro delle indagini è poi la Casa della Caccia Antica, collocata nella centrale regio VII, gravitante intorno al Foro e ricca di raffinate residenze. Le vicende di questa dimora vengono ricostruite attraverso il racconto delle attività svolte da un’articolata équipe interdisciplinare: lo studio delle tecniche e dei materiali edilizi, l’analisi degli elevati e delle pavimentazioni, le indagini stratigrafiche, lo studio del ricco e fragile apparato decorativo, la complessa ricostruzione delle ristrutturazioni e degli antichi restauri… Questo patrimonio di conoscenze mira anche alla identificazione delle cause e dei processi di degrado avviatisi a partire dall’800, che aggravano la fragilità di questo prestigioso edificio.


Poi, ancora, altre storie e percorsi affascinanti: dalle cacce, esotiche e selvagge, che popolano i muri di lussuose abitazioni, all’incredibile viaggio di alcuni affreschi del santuario di Iside, da una sponda all’altra dell’Atlantico. In conclusione, un incontro dedicato alle iscrizioni sui muri della città si sviluppa tra messaggi ufficiali e scritti occasionali, che ancora oggi parlano dell’umanità, antica e moderna».

Palazzo Madama, Piazza Castello – Torino

Info:

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria:

Telefono: 011 4429629

Email:

madamadidattica@fondazionetorinomusei.it

https://www.palazzomadamatorino.it/it/eventi-e-mostre/antichit%C3%A0-fragili-pompei-tra-ricerca-e-conservazione-conferenze-di-approfondimento

Info:

Email: palazzomadama@fondazionetorinomusei.it

Telefono: 011 4433501

Web: www.palazzomadamatorino.it

Giuseppe Longo