Reddito di cittadinanza. Giusto Catania: “proporre la sua abolizione è un ennesimo, inquietante, segnale alla mafia”

Palermo – La ricetta della destra palermitana è ormai chiara: consegnare nelle mani della criminalità organizzata settori popolari che usufruiscono del reddito di cittadinanza, sacrificando secondo questa logica migliaia di cittadine e cittadini palermitani. Sono diversi i segnali inquietanti: da un lato  Cuffaro e Dell’Utri, da cui Lagalla non prende le distanze,  e dall’altro la proposta assurda di privare i poveri di un reddito. Il rischio è consegnare alla mafia manovalanza ‘fresca’.

Se il reddito di cittadinanza va  migliorato, puntando a implementare  misure che garantiscano l’ingresso nel mercato del lavoro e a contrastare abusi, in una città come Palermo –  immersa nella crisi sociale ed economica post pandemia –   proporre l’abolizione del reddito di cittadinanza è un messaggio pericoloso per la tutela della democrazia e per la tenuta sociale della città.